venerdì, Aprile 12, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Turismo, nel 2024 per...

La catena di alberghi sul mare amplia l’offerta e apre al lusso Milano, 13...

Open d’Italia Disabili, al...

Nel giro finale in palio anche il titolo italiano Roma, 12 apr. (askanews) –...

Arabia Saudita, un volo...

Le proposte Visit Saudi per la destinazione a più rapida crescita Milano, 12 apr....

Salone Mobile, il meglio...

Alla Brussels House arredi e oggetti in chiave sostenibile Milano, 12 apr. (askanews) –...
HomeAttualitàYoon: non chiediamo...

Yoon: non chiediamo al Giappone d’inginocchiarsi per la storia

Presidente sudcoreano: per sicurezza necessario rapporto con Tokyo

Roma, 24 apr. (askanews) – Il presidente sudcoreano Yoon Suk-yeol ha ribadito il suo impegno a far progredire le relazioni con il Giappone, affermando in un’intervista pubblicata dal Washington Post che non si può pensare che il Giappone “debba inginocchiarsi a causa della storia di 100 anni fa”.

Yoon ha fatto riferimento al dominio coloniale giapponese della Corea del 1910-45, durante il quale furono commesse quelle che sono considerate atrocità, come la mobilitazione dei coreani per il lavoro forzato e lo sfruttamento delle cosiddette “donne di conforto”, sfruttate sessualmente nei bordelli militari dell’Armata imperiale nipponica fino alla conclusione della seconda guerra mondiale.

“L’Europa ha vissuto diverse guerre negli ultimi 100 anni e nonostante ciò, i paesi in guerra hanno trovato il modo di cooperare per il futuro”, ha detto Yoon nell’intervista. “Non posso accettare l’idea che a causa di ciò che è accaduto 100 anni fa (…) che loro (i giapponesi) debbano inginocchiarsi a causa della storia di 100 anni fa. E questo è un problema che richiede una decisione”, ha detto il presidente sudcoreano.

Yoon ha anche affermato che le preoccupazioni per la sicurezza della Corea del Sud sono troppo urgenti per ritardare la cooperazione con Tokyo, anche se alcuni critici non ne sono convinti.

Il presidente sudcoreano ha cercato in modo deciso di ricucire le relazioni con il Giappone, di fatto liberando le imprese giapponesi condannate a risarcire le vittime del lavoro forzato dall’incombenza.

“Le relazioni Corea del Sud-Giappone devono essere normalizzate e ciò non può essere ritardato”, si legge in una nota diffusa dopo la pubblicazione dell’intervista dalla presidenza di Seoul. “Poiché i paesi in Europa cooperano per il futuro anche dopo aver attraversato guerre devastanti – ha continuato -, il miglioramento delle relazioni Corea del Sud-Giappone è un percorso verso il futuro che dovrebbe essere intrapreso”.

Con una mossa rara, la presidenza ha anche rilasciato commenti aggiuntivi di Yoon non inclusi nell’intervista. “Tra paesi che condividono valori, i problemi storici e del passato possono essere risolti attraverso il dialogo”, ha sostenuto Yoon.

L’intervista è arrivata in concomitanza con la partenza di Yoon una visita di stato di sei giorni negli Stati Uniti per colloqui con il presidente Joe Biden, dove dovrebbero essere discusse una serie di questioni bilaterali e globali.

Per quanto riguarda la possibilità di cominciare a fornire aiuti militari all’Ucraina, Yoon ha detto al Washington Post: “Certo, l’Ucraina è sotto un’invasione illegale, quindi è opportuno fornire aiuti, ma quando si tratta di come e cosa forniremo, non possiamo non considerare molti rapporti diretti e indiretti tra il nostro Paese e i paesi in guerra “.

Correlati

La nave Duilio abbatte due droni nel mar Rosso

Nell’ambito dell’operazione dell’Unione Europea Aspides, nave Duilio ha abbattuto, in attuazione del principio di autodifesa, due droni aerei. Lo rende noto il ministero della Difesa. Duilio circa dieci giorni fa, quanto non era ancora base operativa di Aspides, aveva sventato...

Milano, Consiglio comunale approva assestamento di bilancio

Finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di euro Milano, 27 lug. (askanews) – Il Consiglio comunale di Milano ha approvato la variazione di assestamento del bilancio 2023. Attraverso la manovra vengono finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di...

Meloni: la mafia non ha avuto l’ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...