lunedì, Giugno 17, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Euro 2024, la Nazionale...

(Adnkronos) - La vittoria sull'Albania agli Europei 2024 fa esplodere la passione...

Salute, Cesana (Lombardia): “Trombosi...

(Adnkronos) - "Ho iniziato ad organizzare eventi sulla prevenzione in Regione Lombardia,...

Salute, Santagata (Arriva Italia):...

(Adnkronos) - Con “Spedali di Brescia” abbiamo potuto “fare una specifica valutazione...

Sanità, Bertolaso: “Per trombosi...

(Adnkronos) - "Parliamo di prevenzione, argomento molto dibattuto ma che, quando si...
HomeAttualitàXi Jinping: agricoltura...

Xi Jinping: agricoltura questione primaria di sicurezza nazionale

Presidente cinese lancia un appello all’autosufficienza alimentare

Roma, 16 mar. (askanews) – Il presidente cinese Xi Jinping ha lanciato un messaggio per ribadire la centralità dell’agricoltura, definendola una “questione di sicurezza nazionale di estrema importanza” di fronte alle turbolenze del mercato dei cereali in seguito alla guerra russo-ucraina. Lo riferisce il South China Morning Post.

Il messaggio di Xi, accompagnato da una forte indicazione a lavorare per ottenere l’autosufficienza alimentare, risale in realtà a dicembre, quando il presidente intervenne alla conferenza annuale sul lavoro rurale. Tuttavia è apparso oggi sulla rivista di elaborazione teorica del Partito comunista cinese Qiushi.

“Da quando è iniziata la crisi ucraina, oltre 30 paesi hanno limitato le esportazioni di cibo e alcuni hanno sperimentato disordini sociali o addirittura cambi di regime”, ha segnalato il presidente cinese. “C’è un evidente aumento dell’incertezza e imprevedibilità” della situazione, ha continuato il numero uno di Pechino. “Quando qualcosa non va nell’agricoltura, le nostre ciotole finiscono per essere tenute nelle mani di qualcun altro e dobbiamo dipendere dagli altri per il cibo. Come potremmo mai conquistare la modernizzazione in una situazione del genere?”

Sebbene la Cina nutra un quinto della popolazione mondiale con solo il 9% della terra arabile mondiale, negli ultimi anni sono cresciute le preoccupazioni per la sicurezza alimentare tra le minacce del cambiamento climatico e il peggioramento dei legami con gli Stati Uniti e i suoi alleati, molti dei quali sono principali fornitori agricoli.

Pechino ha adottato una politica di autosufficienza alimentare e ha stabilito una “linea rossa” per mantenere le dimensioni della terra coltivabile. La Cina ha registrato una produzione annuale di grano di circa 660 milioni di tonnellate dal 2015, raggiungendo livelli record nel 2021-22 con più di 680 milioni di tonnellate.

Nella sua prima conferenza stampa dopo le “Due sessioni” annuali, il nuovo premier Li Qiang ha incoraggiato lunedì gli agricoltori lavorare per garantire ai cinesi di “tenere in mano le loro ciotole”, riecheggiando la stessa formula usata da Xi. “Il nostro sostegno alla produzione di grano sta solo aumentando e mai diminuendo”, ha affermato.

Nonostante produca la maggior parte dei prodotti agricoli a livello globale, lo sviluppo agricolo della Cina è molto indietro rispetto all’industrializzazione e all’urbanizzazione, ha affermato Xi nel discorso di dicembre. La produttività agricola – ha detto ancora il presidente – è solo un quarto di quella dei settori non agricoli, mentre le materie prime agricole “ovviamente mancano di competitività” nel mercato globale. Preservare quindi i terreni agricoli e sviluppare i semi invece di affidarsi a allevatori stranieri sono le due principali priorità per la produzione alimentare cinese, ha sostenuto Xi.

La Cina – ha aggiunto – deve anche frenare i gravi sprechi durante i processi di raccolta, trasporto, lavorazione, vendita e consumo, dove oltre il 20% del cibo viene sprecato ogni anno: “Se riuscissimo a dimezzare lo spreco di cibo, sarebbe sufficiente per sfamare 190 milioni di persone per un anno”.

Mentre la Cina rimane fondamentalmente autosufficiente per gli alimenti di base, vale a dire riso, grano e mais, fa molto affidamento sulle importazioni di soia e altri raccolti di semi oleosi.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....