mercoledì, Aprile 24, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Europarlamento approva direttiva Ue...

Armonizza definizioni reati, ma resta stupro basato su violenza Strasburgo, 24 apr. (askanews) –...

Autogol Lega su Autonomia,...

Opposizione attacca Presidente Commissione. Tajani chiede impegni sui Lep Roma, 24 apr. (askanews) –...

Vino, dal 27 al...

Tante novità al Salone dei giovani produttori e delle piccole Cantine Milano, 24 apr....

Imprese, CNA Federmoda: una...

Peggiora la crisi del settore moda Si addensano i venti di crisi nel settore...
HomeAttualitàTorino baciata dal...

Torino baciata dal rock: benvenuti sul pianeta Maneskin

Partenza di successo per l’attesissimo tour della band nata icona

Torino, 26 feb. (askanews) – Un rock potente, classico eppure estremamente innovativo per una band che parla al cuore e al cervello del pubblico, con testi ispirati, poetici, e un sound universale: i Måneskin sono sempre loro. E per fortuna. La partenza del nuovo LOUD KIDS TOUR a Torino si è rivelata epica e ricca di energia. Il successo non ha affatto stancato Victoria, Damiano, Thomas e Ethan che mantengono genio e sregolatezza sul palco, ma nel backstage si concedono il lusso dell’originalità di essere affabili, ironici, geniali e a modo loro normali. O almeno per quanto una rock band icona lo possa essere.

Il palco del Pala Alpitour si è acceso all’uscita dei favolosi quattro per due ore di musica potente, accompagnata da uno spettacolare disegno di luci, in cui la band presentava live i brani del nuovo disco, come le impertinenti “Baby Said”, “Don’t wanna sleep” e “Bla bla bla”: un rock’n’roll spavaldo e dirompente. C’è poi l’impetuosa “Kool Kids” dall’energia punk e la struggente ballad “Timezone”, e anche “Gossip”, che vede nella versione studio la straordinaria collaborazione del leggendario Tom Morello. Ma tutti aspettano fino alla fine, come la sorpresa più bella, l’atmosfera di “The Loneliest”, e quel verso: “A part of me that will never be mine” (“Una parte di me che non sarà mai mia”), che racconta tutta la disperata allegria di quell’attimo di solitudine che è diventato la nuova canzone più ascoltata al mondo.

Non sono mancati brani in italiano: “La Fine”, “Mark Chapman”, “Coraline” e “Torna a casa”. Quest’ultimo è stato eseguito in versione acustica sul secondo palco, al centro del Pala Alpitour, con la chitarra esatta di Thomas e la voce graffiante di Damiano, che invita i fan in delirio a usare i telefonini non per fagli i video, ma per illuminare lo stadio.

Non sono mancati neppure altri successi, già amati, come “Mammamia” e “Supermodel” in questa produzione del tutto innovativa composta da oltre 300 corpi illuminati e quasi 40 universi di programmazione, il tutto sorretto da una struttura di oltre 150 metri, per un peso complessivo di 40 tonnellate. Eppure dall’aspetto aereo e leggerissimo: anche gli artisti dopo nel backstage ne hanno parlato con toni entusiastici. Un tetto luminoso crea una coreografia, in cui ciascuna parte si muove curvandosi e sfruttando tutto il perimetro aereo: lo spettatore è immerso nello show con un movimento continuo, grazie a oltre 70 motori più quasi altri 60 a velocità variabile.

Due maxischermi ai lati raccontano le follie, la carica esplosiva e la bellezza dinamica di Victoria, quando si affaccia di schiena sul pubblico, quando usa il suo basso come un moltiplicatore di energia; portano alla luce Ethan e la sua batteria, che dal fondo del palco si leva e traina il ritmo con forza magnetica. “Eravamo abbastanza liberi mentalmente, senza fare confronti, siamo super contenti, anzi ci aspettavamo leggermente meno: meno pazzia, meno coinvolgimento”, ha spiegato poi Damiano nel backstage. “I biglietti li avevamo venduti un botto di tempo fa quindi magari il disco nuovo non gli piaceva”, scherza Victoria. “E invece no. La risposta è da paura” chiosa Damiano con fare normale, mentre le radio di tutto i mondo continuano a trasmettere la musica dei Måneskin 24 ore su 24 e i fan farebbero pazzie per aggiudicarsi i pochi posti ancora a disposizione.

Il contenuto è vero non va giudicato dall’involucro, ma la foto di copertina di “RUSH!” tuttavia qualche indizio di successo planetario già lo dava: non sono i Beatles, è vero, sulle strisce di “Abbey Road”; i Måneskin stessi sono le strisce mentre una modella li supera a gran velocità. Proprio come quel mega trionfo che però non li travolge ma li lascia intatti, ognuno con il suo carattere e la sua personalità. Mentre fuori è una corsa all’ultimo biglietto per questo tour, nato per essere sold out, prodotto e organizzato da Vivo Concerti: 32 date nelle più grandi arene di tutta Europa con oltre 350.000 biglietti venduti. E grande attesa per i 5 eventi esclusivi negli stadi di Roma, Milano e Trieste nell’estate.

La discografia dei Måneskin (impegnati nel concerto di Torino nella foto di Elena di Vincenzo) conta attualmente 328 certificazioni a livello mondiale, con 18 dischi di diamante, 259 dischi di platino e 51 dischi d’oro. La band ha ottenuto la nomination ai Grammy Awards nella categoria “Best New Artist”, e tra i prestigiosi riconoscimenti ricevuti nel 2022 ci sono Favorite Rock Song agli American Music Awards con “Beggin'” e Best Alternative Video agli MTV Video Music Awards per il videoclip di “I wanna be your slave” (la prima volta in assoluto per un artista italiano), brano che si è aggiudicato anche il riconoscimento di Top Rock Song ai Billboard Music Awards. I Måneskin sono inoltre stati premiati come Best New Alternative Artist agli iHeart Music Awards 2022, dove per la prossima edizione hanno ricevuto ben due nomination: Best Group Of The Year e Alternative Artist Of The Year.

(di Cristina Giuliano)

Correlati

Imprese, CNA Federmoda: una su due prevede fatturato in calo nel 2024

Peggiora la crisi del settore moda Si addensano i venti di crisi nel settore della moda: se l’anno scorso è stato complicato, le previsioni per il 2024 mostrano una tempesta, secondo i risultati di un’indagine condotta da CNA Federmoda su...

Urso (MIMIT): Italia coesa e affidabile per gli investimenti stranieri

Presentato al Ministero delle Imprese e del Made in Italy il nuovo Sportello Unico Attrazione investitori Il nuovo Sportello Unico Attrazione e Sblocco Investimenti, annunciato oggi al Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), arriva in un momento...

Confagri: bene Def semplificato, chiarire tassazione agroenergie

Evidente difficoltà delle imprese agricole nella loro tenuta competitiva Confagricoltura, nel corso dell’audizione di ieri davanti alla Commissione paritetica di bilancio sul Def, ha sottolineato che le difficoltà di competitività delle imprese agricole sono evidenti per una serie di motivi,...