mercoledì, Aprile 24, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Europarlamento approva direttiva Ue...

Armonizza definizioni reati, ma resta stupro basato su violenza Strasburgo, 24 apr. (askanews) –...

Autogol Lega su Autonomia,...

Opposizione attacca Presidente Commissione. Tajani chiede impegni sui Lep Roma, 24 apr. (askanews) –...

Vino, dal 27 al...

Tante novità al Salone dei giovani produttori e delle piccole Cantine Milano, 24 apr....

Imprese, CNA Federmoda: una...

Peggiora la crisi del settore moda Si addensano i venti di crisi nel settore...
HomeAttualitàTaiwan, governo prepara...

Taiwan, governo prepara emendamenti legge mobilitazione di guerra

Taipei si approccia a un’eventuale invasione cinese

Roma, 20 mar. (askanews) – Il governo di Taiwan ha messo a punto una serie di emendamenti legislativi alla Legge sulla mobilitazione generale, che regolerebbe la vita del paese durante un’eventuale guerra in caso di invasione della Cina. Lo riferisce oggi il Nikkei Asia.

L’amministrazione della presidente Tsai Ing-wen ha definito il mese scorso una serie di cambiamenti alla norma, dettagliando tutte le misure da prendere per rendere efficiente la catena di comando e la sicurezza nel flusso delle informazioni in caso di conflitto.

La precedente normativa era stata promulgata nel 2011 e non aveva subito particolari modifiche da allora.

La mossa di Taipei viene in un momento in cui Pechino sta stringendo la morsa su Taiwan, che considera parte integrante del suo territorio, e si susseguono pressioni da un punto di vista militare.

Lo stesso presidente cinese Xi Jinping non ha mai escluso l’uso della forza per riconquistare Taiwan e la recente invasione russa dell’Ucraina ha accresciuto le preoccupazioni nella leadership taiwanese di un possibile passo aggressivo da parte di Pechino.

Tra le riforme inserite nella nuova versione della legge, anche norme per impedire che media pro-Cina influenzino l’opinione pubblica e diffondano disinformazione e fake news, anche alla luce del fatto che Taiwan si avvia a elezioni presidenziali a gennaio 2024.

Le nuove norme autorizzano il governo, durante il periodo di guerra, di stringere il controllo sui network d’informazione, comprese le piattaforme digitali e le televisioni. I reati di diffusione di disinformazione subirano pene fino a tre anni di prigione.

Questa è certamente la parte più delicata della normativa, che pone domande in termini di libertà di parola e d’informazione. Il principale partito d’opposizione, il Kuomintang (KMT), che ha una posizione più morbida con Pechino, ha già sollevato le questioni.

Il leader del KMT Eric Chu ha segnalato come le riforme proposte dal governo confliggerebbero con diverse normative sulla libertà di parola nell’isola. Inoltre l’opposizione si è anche detta contraria alla parte della revisione che prevede che gruppi studenteschi vengano mobilitati per produrre forniture militari, affermando che la cosa corrisponderebbe all’utilizzo di bambini soldato.

Correlati

Imprese, CNA Federmoda: una su due prevede fatturato in calo nel 2024

Peggiora la crisi del settore moda Si addensano i venti di crisi nel settore della moda: se l’anno scorso è stato complicato, le previsioni per il 2024 mostrano una tempesta, secondo i risultati di un’indagine condotta da CNA Federmoda su...

Urso (MIMIT): Italia coesa e affidabile per gli investimenti stranieri

Presentato al Ministero delle Imprese e del Made in Italy il nuovo Sportello Unico Attrazione investitori Il nuovo Sportello Unico Attrazione e Sblocco Investimenti, annunciato oggi al Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), arriva in un momento...

Confagri: bene Def semplificato, chiarire tassazione agroenergie

Evidente difficoltà delle imprese agricole nella loro tenuta competitiva Confagricoltura, nel corso dell’audizione di ieri davanti alla Commissione paritetica di bilancio sul Def, ha sottolineato che le difficoltà di competitività delle imprese agricole sono evidenti per una serie di motivi,...