venerdì, Luglio 19, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Treni in ritardo oggi...

(Adnkronos) - Ritardi per i treni oggi in Italia, in particolare in...

Toremar, Onorato Armatori: “Basta...

(Adnkronos) - "Da quasi 60 anni "Navarma prima, e ora Moby e...

Parlamento Europeo: in commissione...

(Adnkronos) - Nella commissione Afet (Affari Esteri) del Parlamento Europeo siederanno sei...

Morto Bob Newhart, il...

(Adnkronos) - L'attore statunitense Bob Newhart, cabarettista che ha messo in scena...
HomeAttualitàSuperbonus, FINCO: preoccupa...

Superbonus, FINCO: preoccupa stop a cessioni credito e sconti in fattura

Perché coinvolgere anche i bonus 50% e 65% per la riqualificazione energetica?

Roma, 17 feb. (askanews) – Una simile misura avrà (speriamo di poter dire avrebbe) ripercussioni gravi e purtroppo durature sull’assetto di migliaia di imprese che già hanno i cassetti fiscali pieni ed i conti correnti vuoti. Le conseguenze – si legge in una nota della FINCO – si faranno pesantemente sentire anche sul consumatore sia singolo che condominiale. Cosa paradossale, tenuto conto che la misura è nata soprattutto per tale categoria, generando legittime aspettative, oltre che impegni concreti, messi ora in discussione.

La Federazione FINCO si chiede poi perché coinvolgere in questa cessazione anche i bonus per la riqualificazione al 50% che hanno sempre funzionato, mai dato luogo ad abusi e inciso, in realtà, in termini positivi perfino sulle Casse dello Stato.

Bloccare – in una situazione di fermo da parte degli istituti bancari ed assicurativi! – anche la pur parziale soluzione di acquisto dei crediti da parte delle Regioni e degli Enti Pubblici è una misura controproducente già nel medio periodo, senza contare, in generale, gli aspetti di contenzioso che tale decisione indurrà ed il disallineamento di tale provvedimento rispetto alle direttive comunitarie relative alla transizione energetica. Inoltre, i bonus edilizi, in assenza di cessione del credito e sconto in fattura, saranno fruibili fondamentalmente dai più abbienti, cosa che renderà poco raggiungibili gli obiettivi di riqualificazione energetica del nostro patrimonio immobiliare, oltre che creare disparità di trattamento tra i cittadini.

Confidiamo in un ripensamento nel corso dell’iter di conversione in legge del decreto legge 11/2023 o, almeno, nell’individuazione di soluzioni alternative che non possono limitarsi all’esenzione da questo vincolo per interventi per cui sia stata già presentata la Cila prima dell’entrata in vigore del decreto in questione o, nel caso di condominii, sia stata già adottata la delibera assembleare che ha approvato l’esecuzione dei lavori o, ancora, il fatto che i cessionari non sarebbero più responsabili in solido ove in possesso di documentazione utile a tal fine.

Soprattutto, confidiamo nel mantenimento delle possibilità di sconto in fattura e di cessione del credito per gli interventi che da tempo funzionano, come quelli specificatamente volti alla riqualificazione energetica.

La Federazione – con tutte le Associazioni ad essa federate, dai produttori di infissi, alle coperture, alle schermature solari e tutti i settori dell’involucro edilizio, ma anche del verde per coibentazione, del settore delle rinnovabili e molti altri comparti – si rende perfettamente conto dei vincoli di bilancio, ed è per questo che sul Superbonus FINCO è da sempre favorevole ad un decremento percentuale progressivo dell’agevolazione con una sua connessa stabilizzazione, ma non con queste repentine modalità.

Un’analisi approfondita delle cifre dovrebbe indurre a ritenere che in questo caso la spesa varrebbe l’impresa: sottoforma di ritorni per l’Erario, di innovazione tecnologica, di emersione del nero, ma ancor prima per evitare risorse che l’Erario dovrà (dovrebbe) comunque impiegare per le casse integrazioni che saranno causate da una siffatta misura.

Ancora una volta sarebbe stato (e sarà) essenziale coinvolgere gli operatori, dall’inizio, come del resto prevede il procedimento AIR (Analisi di Impatto della Regolamentazione), ivi inclusa la principale rappresentanza italiana di produttori ed installatori di componenti e sistemi per l’efficienza energetica, quale è FINCO.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....