lunedì, Maggio 27, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Fedez-Codacons, tribunale Milano chiude...

(Adnkronos) - La procura di Milano ha chiuso le indagini nei confronti...

Coppa del Mondo di...

(Adnkronos) - Si è chiusa sabato la seconda edizione della Coppa del...

Chieti, bimba sparita da...

(Adnkronos) - La polizia sta cercando una bimba, di 8 anni, di...

Colpito da ictus autista...

(Adnkronos) - Wolfgang Rieke, il 63enne camionista tedesco che investì e procurò...
HomeAttualitàServizi Seoul rivelano:...

Servizi Seoul rivelano: Kim Jong Un ha tre figli, il primo è maschio

Finora in pubblico è stata mostrata solo la secondogenita

Roma, 7 mar. (askanews) – Il primo figlio del leader supremo nordcoreano Kim Jong Un è un maschio, mentre il sesso del suo terzo figlio non è stato confermato. Lo ha riferito oggi in un’informativa al comitato d’intelligence dell’Assemblea nazionale l’agenzia di spionaggio sudcoreana NIS, dopo che l’apparizione in alcune occasioni pubbliche di una figlia – Kim Ju Ae – accanto a Kim ha suscitato curiosità e qualche speculazione sulla possibilità che possa essere lei la prescelta per una futura successione al leader.

Il NIS ha anche informato – secondo quanto riferisce l’agenzia di stampa Yonhap – che Pyongyang dovrebbe condurre esercitazioni militari su larga scala a marzo e aprile e che queste potrebbero includere il lancio di un missile balistico intercontinentale a combustibile solido (ICBM) di nuova concezione.

“Non abbiamo prove dettagliate che il suo primo figlio sia un maschio. Ma siamo convinti che il primogenito sia certamente un figlio sulla base di notizie che sono state con noi condivise da un’agenzia di intelligence esterna”, ha detto il parlamentare Yoo Sang-beom, citando l’informativa del NIS. Yoo ha precisato che le voci secondo le quali questo primo figlio sia affetto da problemi fisici e mentali non sono state confermate.

Negli ultimi mesi dello scorso anno, al fianco di Kim in alcune occasioni è apparsa Ju Ae, che secondo l’intelligence è la seconda figlia del leader. Hanno fatto il giro del mondo le foto che mostrano la ragazzina assieme al padre, mentre assistono al lancio di prova di un missile balistico intercontinentale. Dopo questa apparizione, Ju Ae si è manifestata in altre occasioni accanto al leader in vari eventi e incontri. Invece, il primo e il terzo figlio non sono mai stati visti in pubblico.

Per quanto riguarda Ju Ae, il NIS ha informato che al momento non appare iscritta ad alcuna organizzazione accademica ufficiale e che la sua educazione si starebbe sviluppando in casa, diversamente a quanto accaduto al padre e alla zia – Kim Yo Jong, la potente sorella del leader – che invece studiarono in un esclusivo collegio svizzero.

A Ju Ae piacciono il nuoto, lo sci e l’equitazione. Kim – secondo le informazioni ottenute da NIS – sarebbe particolarmente orgoglioso delle sue abilità come cavallerizza, secondo l’intelligence.

Che questo porti a una successione futura tra il padre e la figlia, tuttavia, non è visto dagli osservatori come una possibilità concreta, visto il forte pregiudizio di genere esistente nella società nordcoreana.

Diversamente da alcune indiscrezioni recenti, il NIS ha affermato di non aver rilevato l’esistenza di ordini da parte delle autorità nordcoreane affinché le persone chiamate Ju-ae cambino nome. .

Per quanto riguarda le esercitazioni militari su larga scala che la Corea del Nord starebbe per avviare, il NIS ha affermato che ci sono possibilità che il Nord provi a lanciare un missile balistico intercontinentale che voli su una traiettoria normale, diversamente da quanto accaduto nel recente lancio di un ICBM su una traiettoria particolarmente alta.

Oggi la sorella di Kim, Yo Jong, ha lanciato un duro monito nel quale ha sostenuto che il Nord è pronto a intraprendere azioni “schiaccianti” contro le attività militari di Washington e Seoul. Usa e Sudcorea hanno annunciato che tra il 13 er il 23 marzo terranno grandi esercitazioni virtuali congiunte, sotto il nome in codice “Freedom Shield”, e una nuova esercitazione di addestramento sul campo su larga scala, “Warrior Shield”.

Il NIS ha infine riferito che si ritiene che il Nord sia a corto di circa 800.000 tonnellate di riso all’anno, ma il numero di persone che muoiono di fame non è a un livello tale da rappresentare una minaccia per il regime.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....