martedì, Marzo 5, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Ue, cosa prevede l’accordo...

Accolte eccezioni su obiettivi riuso, restano divieti plastica monouso Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Calcio, Sarri: “Niente è...

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma, 4 mar. (askanews) – Proverà a...

Regolamento sugli imballaggi, c’è...

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve i dettagli Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Parlamento al voto su...

In commissione alla Camera opposizioni in ordine sparso:Pd a favore, M5s oggi astenuto...
HomeAttualitàSaudi Aramco, utile...

Saudi Aramco, utile record nel 2022, aumentato del 47%

Cresca anche dividendo per maggior produttore greggio al mondo

Roma, 12 mar. (askanews) – Saudi Aramco ha registrato un utile record di 161 miliardi di dollari nel 2022 e ha aumentato il dividendo sul risultaro di un anno tumultuoso per il mercato dell’energia che ha consentito al colosso petrolifero saudita, il più grande produttore di greggio al mondo, di fare cassa.

La compagnia statale dell’Arabia Saudita ha dichiarato di aver venduto più petrolio rispetto al 2021, di aver migliorato i margini di raffinazione e di aver beneficiato del rialzo dei prezzi del greggio, che hanno contribuito al balzo del 47% dell’utile netto al massimo da quando la società ha iniziato a pubblicare i risultati dopo la quotazione nel 2019.

Gli enormi profitti di Saudi Aramco completano la serie di risultati record per le più grandi compagnie petrolifere e gasiere del mondo dopo che i prezzi dei combustibili fossili sono aumentati vertiginosamente lo scorso anno a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Shell ha riportato utili di quasi 40 miliardi di dollari, i più alti nei suoi 115 anni di storia, mentre ExxonMobil ha realizzato profitti per 55,7 miliardi di dollari, il massimo mai raggiunto da una compagnia petrolifera occidentale.

Saudi Aramco è il più grande produttore mondiale di greggio e una delle poche società con capacità produttiva in eccesso che può essere utilizzata dal governo dell’Arabia Saudita per aumentare o diminuire l’offerta in linea con la domanda globale. Ha aumentato la produzione fino al 2022, prima che l’Arabia Saudita, in accordo con altri membri del cartello Opec, sfidasse la pressione degli Stati Uniti e tagliasse la produzione a novembre in risposta a presunte prospettive più deboli per la domanda.

L’anno scorso ha prodotto 11,5 milioni di barili al giorno di greggio e altri idrocarburi liquidi, che rappresentano circa il 10% dell’offerta mondiale di greggio.

Mentre molti rivali hanno rallentato gli investimenti nell’estrazione di petrolio nel tentativo di ridurre le proprie emissioni, Saudi Aramco è una delle poche società che investe nell’aumento della sua capacità di produzione massima, da 12 milioni di barili al giorno a 13 milioni. La spesa in conto capitale totale nel 2022 è aumentata del 18% su base annua, a 37,6 miliardi di dollari, rispetto ai 24,8 miliardi di dollari spesi da Shell. Saudi Aramco prevede di spendere dai 45 ai 55 miliardi di dollari nel 2023.

Amin Nasser, amministratore delegato, ha affermato che i “rischi di sottoinvestimento” nella produzione di petrolio e gas sono reali e stanno già contribuendo all’aumento dei prezzi. “Per sfruttare i nostri vantaggi unici su larga scala ed essere parte della soluzione globale, Aramco ha intrapreso il più grande programma di spesa in conto capitale della sua storia”, ha affermato.

Il free cash flow delle attività è stato di 148,5 miliardi di dollari, rispetto ai 107,5 miliardi nel 2021.

Aramco ha aumentato il suo dividendo, uno dei più ricchi al mondo, del 4% per il quarto trimestre a 19,5 miliardi di dollari, da pagare entro la fine di marzo. Il payout è una fonte vitale di entrate per il governo dell’Arabia Saudita, che detiene ancora direttamente il 94% delle azioni di Saudi Aramco. Ha offerto in borsa poco meno del 2% delle azioni della società nel dicembre 2019 e l’anno scorso ha collocato un altro 4% presso fondo sovrano saudita.

Correlati

Milano, Consiglio comunale approva assestamento di bilancio

Finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di euro Milano, 27 lug. (askanews) – Il Consiglio comunale di Milano ha approvato la variazione di assestamento del bilancio 2023. Attraverso la manovra vengono finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di...

Meloni: la mafia non ha avuto l’ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...

Mafia, Meloni: non ha avuto ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...