lunedì, Luglio 15, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Vaccini nei bambini, allarme...

(Adnkronos) - Stallo delle vaccinazioni pediatriche nel mondo, con coperture che restano...

Coppa America 2024, Argentina...

(Adnkronos) - L'Argentina vince la Coppa America 2024. Nella finale di Miami,...

Caso Morgan e Angelica...

(Adnkronos) - "Ok, va bene, vi racconto tutta la storia, la verità...

Brenda e Kelly, l’addio...

(Adnkronos) - "Sto ancora elaborando il mio enorme dolore per la perdita...
HomeAttualitàRussia, Loshak lascia...

Russia, Loshak lascia museo Pushkin: lo scandalo della sobrietà

Nata nell’ucraina Odessa, si dimette dopo 10 anni di successi

Milano, 22 mar. (askanews) – A Mosca, mentre tutti gli occhi erano puntati sulla visita del leader cinese Xi Jinping, si consumava quasi in silenzio un’uscita di scena a suo modo colossale: Marina Loshak, funzionaria rispettatissima si dimetteva da direttore del Museo Pushkin di Mosca, considerato dai russi tempio della cultura mondiale. Loshak ha dato le dimissioni secondo il suo stile sobrio, delicato nei modi, classico per una donna e intellettuale proveniente da una famiglia di intellettuali, grande ammiratrice dell’Italia poichè paese di cultura.

Loshak, nata e cresciuta a Odessa, con il suo piglio inusuale e brillante, ha fatto più volte centro nella sua carriera, praticando un corso di apertura e ospitando esposizioni prestigiose e importanti nel suo museo, come ad esempio nel 2019 “Shchukin. Biography of a Collection” con una guest star di primissimo livello, ovvero l’uomo più ricco di Francia e uno dei più importanti collezionisti Bernard Arnault (nella foto Loshak è all’inaugurazione con l’allora ministro della Cultura russo Medinsky e in secondo piano Irina Antonova). Le tv russe per giorni non parlarono d’altro. All’attivo di Loshak anche tante mostre-evento organizzate con il nostro Paese, a partire da quella storica dedicata a Tiziano, Tintoretto e Veronese con 23 capolavori sino a “Raffaello e la Poesia del Volto”, esposizione letteralmente assediata dai visitatori russi nel settembre 2016.

Loshak ha detto al canale televisivo Dozhd (dichiarato “agente straniero” in Russia) di aver scritto una lettera di dimissioni di sua spontanea volontà. Lo ha fatto lunedì sera e martedì mattina il ministero della Cultura ha dato la conferma ufficiale. Viene sostituita da Elizaveta Likhacheva, con un passato nella goventù putiniana e un travagliato insediamento come direttrice del Museo di architettura Shchusev di Mosca (dove è stata negli ultimi sei anni): all’epoca, era il 2017, i dipendenti del museo organizzarono una petizione su Change.org, scrivendo tra l’altro: “la nomina di una persona così incompetente come E.S. Likhacheva minerà ulteriormente la reputazione del Museo e porterà al suo completo ISOLAMENTO nell’ambiente socio-culturale”.

“Il continuo sconvolgimento del mondo museale russo è collegato alla repressione ideologica seguita all’invasione russa dell’Ucraina” scrive The Art Newspaper. “Per inciso, la figlia e il nipote di Loshak sono entrambi giornalisti dell’opposizione che hanno lasciato la Russia dopo l’invasione. Entrambi sono stati etichettati come ‘agenti stranieri’ dal ministero della giustizia”, aggiunge, per poi sottolineare: “La nomina di Likhacheva arriva poche settimane dopo la cacciata di Zelfira Tregulova dalla Galleria Statale Tretyakov. Tregulova è stata sostituita da Elena Pronicheva, figlia di un ex capo del Servizio di sicurezza federale associato al presidente russo Vladimir Putin”, conclude The Art Newspaper.

Lunedì 20 marzo, la notizia della lettera di dimissioni di Loshak si era già diffusa, benchè la grande attenzione del mondo era già tutta su Xi e Putin. Tuttavia le dimissioni in Russia non sono passate sotto silenzio: Evgenia Milova, editorialista del quotidiano Kommersant, ha precisato che la lettera di dimissioni è stata firmata, “sebbene non avessero intenzione di separarsi da lei”. “Poche persone hanno la forza di fare un passo del genere”, ha scritto Milova, citata anche dalla Bbc.

Al Pushkin Loshak era arrivata per i suoi grandi meriti: ne assunse la direzione nel luglio 2013, sostituendo l’iconica Irina Antonova, responsabile del museo per oltre 50 anni, come direttrice. Loshak, che a quel tempo era il direttore artistico del Manege, fu scelta dalla stessa Antonova, che passò alla carica onoraria di presidente del museo.

In base alla biografia ufficiale, pubblicata sul sito del Pushkin, dopo la laurea in filologia classica presso l’Odessa State University, Loshak iniziò a lavorare al Museo letterario statale di Odessa. Dopo essersi trasferita a Mosca nel 1986, ha lavorato presso il Museo statale intitolato a V.V. Majakovskij. Sotto la sua direzione, nel 2017 il Pushkin ha anche partecipato per la prima volta alla Biennale di Venezia, presentando la mostra “Man as a Bird. Immagini di viaggio”.

Vista con gli occhi di oggi, alla luce della guerra in Ucraina, e soprattutto per chi non ha vissuto l’atmosfera di Mosca all’epoca dell’insediamento della Loshak, è difficile capire i meccanismi che la portarono in cima al Pushkin. Loshak stessa è un prodotto di un periodo interessante nella storia della Russia. Esiste un’espressione ben nota: “il disgelo di Medvedev”, ovvero l’epoca in cui Dmitri Medvedev era presidente della Federazione russa e rappresentava non quello che è oggi, con i suoi post su Telegram, ma piuttosto una nuova Russia che guardava a Occidente. Ma il “disgelo” continuò ancora un po’ anche dopo di lui e le proteste di massa del dicembre 2011, quando apparentemente venne concesso qualcosa, soprattutto a Mosca: libertà di creatività, giocare con l’urbanistica, sovvenzioni per i progetti più controversi e persino una serie di incarichi importanti nella cultura. I giri di vite iniziarono poco dopo, con le leggi sugli agenti stranieri e sulle ong. E oggi, evidentemente, non è proprio tempo di disgelo.

(di Cristina Giuliano)

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....