venerdì, Giugno 14, 2024

News e Investimenti

Breaking News

G7, manifestanti su stuttura...

(Adnkronos) - Fuori programma alla Fiera del levante di Bari, dove è...

SuperEnalotto, numeri combinazione vincente...

(Adnkronos) - Estratta la combinazione vincente del SuperEnalotto. Nessun 6 né 5+1,...

Milano, incendio in autofficina:...

(Adnkronos) - Tre persone sono morte e tre sono rimaste ferite nell'incendio...

Amadeus condurrà ‘La Corrida’...

(Adnkronos) - "Amadeus condurrà 'La corrida' sul Nove in autunno". Lo rivela...
HomeAttualitàRoma, prevenzione tumore...

Roma, prevenzione tumore polmonare con diagnosi precoce in XII Municipio

Iniziativa promossa da Consigliere e Presidente Commissione Politiche Sociali, Alessandro Alongi

Roma, 8 mar. (askanews) – Nuova iniziativa di prevenzione e diagnosi precoce delle malattie, così da ridurre l’incidenza delle stesse e la conseguente mortalità nella popolazione del territorio, promossa dal Consigliere Alessandro Alongi (Roma Capitale – XII Municipio). Già lo scorso anno, sempre su iniziativa del Presidente della Commissione Politiche sociali di Roma XII, era stata approvata una specifica mozione per promuovere la salute sul territorio. Quest’oggi, invece, il Consiglio di via Fabiola ha dato il via libera ad un ulteriore atto, grazie al quale si incentiverà la divulgazione di buone pratiche in tema di prevenzione del tumore polmonare, originato in gran parte dal fumo di sigaretta.

“Il tumore del polmone è responsabile del maggior numero di decessi oncologici in Italia, 34.000 nel 2021. Ogni anno, in Italia, 32.800 cittadini (circa l’80% dei casi) ricevono la diagnosi di tumore del polmone in fase avanzata, quando la malattia non è più operabile e la prognosi è peggiore”, afferma il Consigliere Alessandro Alongi. “Studi clinici hanno dimostrato che l’utilizzo della TAC spirale a basso dosaggio può ridurre di circa il 20% la mortalità per questa neoplasia nei forti fumatori. Per questo, come Municipio, sosteniamo il Programma R.I.S.P., e invitiamo tutti i cittadini che ne abbiano i requisiti a partecipare”.

Il Programma R.I.S.P., finanziato dal Ministero della Salute, ha previsto la partecipazione di 18 Centri in tutta Italia, con l’obiettivo di reclutare almeno 10.000 persone per una ricerca scientifica finalizzata a porre le basi per l’inserimento dello screening polmonare all’interno dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), alla stregua dei programmi di prevenzione del cancro mammario, colorettale e cervicale. Per la regione Lazio è stato identificato come unico Centro partecipante l’IFO (Istituti Fisioterapici Ospitalieri) – IRCCS Istituto Nazionale Tumori Regina Elena (IRE) con l’obiettivo di reclutare almeno 760 persone su Roma.

“Tutti coloro i quali abbiano un’età compresa fra 55 e 75 anni e fumano un pacchetto di sigarette al giorno da più di 30 anni (o sono stati forti fumatori che hanno smesso da meno di 15 anni) possono partecipare al programma di prevenzione, che prevede una TAC di ultima generazione a basso dosaggio volta proprio a verificare lo stato di benessere dei polmoni dopo tanti anni di fumo”, precisa Alongi, che ha continuato: “L’abitudine tabagica è una vera e propria dipendenza. Nel nostro Paese si contano circa 12 milioni di fumatori, il 20% consuma più di 20 sigarette al giorno. Per questo è importante sottoporsi a visite periodiche, e il programma R.I.S.P. rappresenta un ottimo appuntamento con la salute”.

Per chi lo vorrà, inoltre, sarà possibile intraprendere un percorso di disassuefazione dal fumo di sigaretta. Per partecipare allo studio la persona interessata, con i requisiti richiesti, deve collegarsi al portale nazionale https://programmarisp.it/; successivamente un operatore dell’IFO-IRE contatterà la persona per fissare un appuntamento con uno pneumologo.

“Ritengo personalmente che nei forti o ex fumatori del nostro territorio, la disponibilità di uno screening periodico rappresenti una grande opportunità, garantendo potenzialmente il riscontro precoce di malattia e quindi la sua tempestiva presa in carico con maggiori possibilità di cura e guarigione”, ha concluso Alongi.

Tra gli ulteriori argomenti su cui la Commissione del Presidente Alongi sta lavorando c’è anche quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sul diritto all’oblio oncologico, materia sulla quale in questi giorni il CNEL sta elaborando un disegno di legge sotto la spinta del Presidente Tiziano Treu e del Consigliere Francesco Riva.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....