mercoledì, Aprile 24, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Teatro, con 100mila biglietti...

Forte: cast di altissimo livello e Stefania Rocca chiavi successo Milano, 24 apr. (askanews)...

Fedagripesca: semplificazione Pac primo...

Bene il via libera dell’Europarlamento al dossier Ngt Roma, 24 apr. (askanews) – “Le...

L’Europarlamento approva la revisione...

Eliminati molti obblighi di “eco-condizionalità” per avere fondi Ue Strasburgo, 24 apr. (askanews) –...

Copa e Cogeca: modifiche...

Stati Membri presentino subito leggi di attuazione Roma, 24 apr. (askanews) – La rapida...
HomeAttualitàPetrocelli nominato Young...

Petrocelli nominato Young Global Leader dal World Economic Forum

“Fra le 100 personalità più influenti al mondo” nel 2023

Roma, 15 mar. (askanews) – Il manager culturale Paolo Petrocelli, cresciuto professionalmente in alcune delle più importanti istituzioni musicali italiane come Opera di Roma e Accademia Chigiana di Siena, è oggi l’unico italiano nella prestigiosa lista dei cento “Young Global Leaders” per il 2023 del World Economic Forum. Petrocelli, 38 anni, recentemente nominato Sovrintendente della Dubai Opera House negli Emirati Arabi Uniti, si è rapidamente affermato sulla scena europea ed internazionale come uno dei manager culturali di punta della sua generazione.

Il World Economic Forum (Wef) – l’organizzazione internazionale per la cooperazione tra pubblico e privato che da oltre 50 anni riunisce a Davos presidenti, capi di Stato, economisti, imprenditori e accademici di tutto il mondo – seleziona ogni anno circa 100 personalità under 40 tra le più influenti a livello globale: giovani leader, che tramite il loro impegno civile e professionale sono riusciti ad affermarsi per la loro capacità di generare un impatto positivo a livello internazionale in diversi ambiti, fra cui: politica, business, scienza, cultura, sport, media. Petrocelli entra così a far parte della prestigiosa comunità di Young Global Leaders del World Economic Forum, che conta circa 1.400 membri ed alunni di 120 nazionalità.

Tra questi, vi sono capi di governo come il premier francese Emmanuel Macron, il Primo Ministro della Nuova Zelanda Jacinda Ardern, personalità come il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg, il fondatore di Google Larry Page, l’imprenditore Jack Ma, la giurista Amal Clooney, l’artista Will.i.am. Tra i membri italiani nominati nel corso degli anni, figurano l’ex premier Matteo Renzi, l’imprenditrice Beatrice Trussardi e il ballerino Roberto Bolle.

Petrocelli, classe 1984, ha maturato un’esperienza pluriennale nel campo del management culturale, artistico e musicale in ambito nazionale e internazionale: già membro del Consiglio di Amministrazione del Teatro dell’Opera di Roma (nominato a 30 anni, tra i più giovani consiglieri mai eletti), della Fondazione Accademia Musicale Chigiana di Siena e del Conservatorio di Musica Benedetto Marcello di Venezia, dopo avere affiancato in qualità di assistente al sovrintendente l’attuale amministratore delegato della Rai Carlo Fuortes al Teatro dell’Opera di Roma, Petrocelli ha contribuito in maniera decisiva al rilancio dell’Accademia Stauffer di Cremona, tra le istituzioni musicali italiane più prestigiose, attraverso la creazione del progetto di sviluppo internazionale Stauffer Center for Strings.

Particolarmente impegnato nel campo della diplomazia culturale e delle relazioni istituzionali e internazionali, Petrocelli è Fondatore e Presidente di Emma for Peace (Euro-Mediterranean Music Academy), tra le più grandi organizzazioni internazionali per la promozione della diplomazia musicale tra Europa e Medio Oriente (di cui Riccardo Muti è Presidente Onorario), Co-fondatore e Presidente onorario dell’Associazione Italiana Giovani per l’Unesco, la più grande rete giovanile all’interno del sistema Unesco, Direttore dei programmi culturali del Summit dei premi Nobel per la Pace e advisor culturale dei Coldplay, una delle rock band britanniche più celebrate al mondo.

Petrocelli ha saputo coniugare una formazione accademica in ambito artistico-umanistico con una formazione avanzata in ambito economico-manageriale, conseguendo un dottorato di ricerca in economia della cultura presso l’Università Iulm di Milano, un Executive Mba presso la Sda Bocconi, una laurea in lettere e musicologia presso l’Università Sapienza di Roma, una laurea in musicologia presso la Middlesex University di Londra, un diploma in violino presso il Conservatorio di Santa Cecilia di Roma.

Docente e ricercatore appassionato, Petrocelli ha svolto attività di ricerca presso la Yale University e il Mit Media Lab del Massachusetts Institute of Technology Cambridge. Attualmente è ricercatore presso il metaLAB dell’Harvard University e docente presso l’Università Bocconi, la Luiss Business School di Roma, la Business School del Sole24ore, l’Accademia Teatro alla Scala di Milano, l’Ispi (Istituto per gli Studi di Politica Internazionale).

Correlati

Urso (MIMIT): Italia coesa e affidabile per gli investimenti stranieri

Presentato al Ministero delle Imprese e del Made in Italy il nuovo Sportello Unico Attrazione investitori Il nuovo Sportello Unico Attrazione e Sblocco Investimenti, annunciato oggi al Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), arriva in un momento...

Confagri: bene Def semplificato, chiarire tassazione agroenergie

Evidente difficoltà delle imprese agricole nella loro tenuta competitiva Confagricoltura, nel corso dell’audizione di ieri davanti alla Commissione paritetica di bilancio sul Def, ha sottolineato che le difficoltà di competitività delle imprese agricole sono evidenti per una serie di motivi,...

Unione mercati capitali, von der Leyen: 470 mld di euro di investimenti privati

Obiettivo ripristinare la competitività economica dell’UE Al centro dell’agenda della prossima Commissione Europea, così come della legislatura successiva alle elezioni di giugno, c’è l’imperativo di ripristinare la competitività economica dell’Unione europea su scala globale. Il Consiglio europeo della scorsa settimana...