martedì, Marzo 5, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Ue, cosa prevede l’accordo...

Accolte eccezioni su obiettivi riuso, restano divieti plastica monouso Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Calcio, Sarri: “Niente è...

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma, 4 mar. (askanews) – Proverà a...

Regolamento sugli imballaggi, c’è...

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve i dettagli Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Parlamento al voto su...

In commissione alla Camera opposizioni in ordine sparso:Pd a favore, M5s oggi astenuto...
HomeAttualitàMilano, Pittura plastica...

Milano, Pittura plastica di Nicoletta Borroni a Galleria Monopoli

La mostra dal 4 al 32 marzo, curata da Alberto Barranco

Milano, 3 mar. (askanews) – La Galleria Monopoli di Milano presenta, dal 4 al 31 marzo, la mostra “Pittura Plastica” di Nicoletta Borroni e a cura di Alberto Barranco di Valdivieso, prosecuzione della precedente esposizione, “Shapes and Forms”, presentata da Flaminio Gualdoni.

La nuova mostra, arricchita di ulteriori sviluppi tematici ed estetici a definire maggiormente il percorso artistico di Borroni, vuole sintetizzare la percezione dinamica di oggetti a struttura geometrica tridimensionale dipinti ad aerografo attraversati da linee orizzontali bianche che innervano ogni singola forma raccordandola con le altre e strutturando l’immagine corale.

Le opere, sotto l’apparente semplicità, parlano della ricerca di un tutto armonico nell’equilibrio tra volume e superficie, tra geometria pura e toni cromatici. L’artista è infatti consapevole che l’emozione suscitata nello spettatore non può prescindere dal dialogo dinamico che le opere instaurano tra loro e con lo spazio che occupano e influenzano.

Le nuove opere geometriche del ciclo “Linea Chiara”, formate da pezzi che si completano nella loro struttura a incastri, sono espressione del pensiero razionale dell’artista che si riflette sul significato di spazio pensato e spazio fisico. Un riferimento, quello all’architettura, per nulla casuale e marginale nell’arte di Nicoletta Borroni, che guarda con attenzione a figure come Louis Kahn, fra le più importanti nell’architettura del XX secolo.

“Pittura, certamente pittura – ha commentato il curatore Alberto Barranco – seppur con l’assistenza dell’aerografo sapientemente manovrato dall’artista il cui gesto è pensato e sperimentato appositamente per creare particolari tessiture di colore secondo passaggi sovrapposti restituendo un effetto ambiguo a tutto il volume, sospeso tra la pietra e la spugna, che in qualche modo perturba la nostra percezione e sublima la dinamica di un oggetto che vibra tra la sua dimensione fisica compatta di oggetto categorico e la nostra frammentata dimensione psichica-percettiva.”

Correlati

Milano, Consiglio comunale approva assestamento di bilancio

Finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di euro Milano, 27 lug. (askanews) – Il Consiglio comunale di Milano ha approvato la variazione di assestamento del bilancio 2023. Attraverso la manovra vengono finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di...

Meloni: la mafia non ha avuto l’ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...

Mafia, Meloni: non ha avuto ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...