lunedì, Marzo 4, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Ue, cosa prevede l’accordo...

Accolte eccezioni su obiettivi riuso, restano divieti plastica monouso Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Calcio, Sarri: “Niente è...

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma, 4 mar. (askanews) – Proverà a...

Regolamento sugli imballaggi, c’è...

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve i dettagli Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Parlamento al voto su...

In commissione alla Camera opposizioni in ordine sparso:Pd a favore, M5s oggi astenuto...
HomeAttualitàMagnisi e Figlioli...

Magnisi e Figlioli nel Cda del Consorzio di tutela vini doc Sicilia

La prossima settimana si terranno le elezioni del presidente

Milano, 2 mar. (askanews) – In attesa che la prossima settimana il Cda del Consorzio di Tutela Vini DOC Sicilia voti il presidente, l’assemblea dei soci ha eletto nei giorni scorsi i componenti del direttivo. Due i consiglieri che entrano in Consiglio: Roberto Magnisi, direttore di Duca di Salaparuta e Florio, e l’enologo della cantina sociale Birgi, Giuseppe Figlioli, rispettivamente al posto di Laurent Bernard de La Gatinais della Cantina Rapitalà e Nicolò Vinci della Cantina Europa.

Confermati i restanti dieci, ovvero il presidente finora in carica Antonio Rallo (ad di Donnafugata), i vicepresidenti finora in carica Giuseppe Bursi (presidente Settesoli) e Filippo Paladino (vicepresidente Colomba Bianca) oltre i consiglieri Vincenzo Ampola (presidente cantine Petrosino), Gaspare Baiata (presidente cantine Paolini), Salvatore Chiantia (presidente cantina La Vite), Rosario Di Maria (presidente cantina Ermes), Alessio Planeta (ad di Planeta), Letizia Russo (Feudo Arancio) e Alberto Tasca (ad di Tasca d’Almerita).

Correlati

Milano, Consiglio comunale approva assestamento di bilancio

Finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di euro Milano, 27 lug. (askanews) – Il Consiglio comunale di Milano ha approvato la variazione di assestamento del bilancio 2023. Attraverso la manovra vengono finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di...

Meloni: la mafia non ha avuto l’ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...

Mafia, Meloni: non ha avuto ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...