lunedì, Luglio 22, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Kamala Harris, vietato sbagliare:...

(Adnkronos) - La rinuncia di Joe Biden alla candidatura per le elezioni...

Temporali e forti piogge...

(Adnkronos) - Dopo le forti ondate di calore, ora è il maltempo...

Roma, tre evasi da...

(Adnkronos) - Tre minori tunisini sono evasi dal carcere minorile di Roma...

Zelensky: “Ucraina grata a...

(Adnkronos) - Volodymyr Zelensky rende omaggio a Joe Biden, per "l'incrollabile sostegno"...
HomeAttualitàLavoro, Benaglia (Fim):...

Lavoro, Benaglia (Fim): Proviamo a lavorare 4 giorni a settimana

Apriamo il confronto con l’azienda

“La notizia che 61 aziende nel Regno Unito stanno sperimentando attivamente settimane brevi con risultati interessanti per aziende e lavoratori va confrontata nella stessa direzione anche tra le parti sociali in Italia. Ora è il momento di regolamentare il lavoro, soprattutto nel settore manifatturiero in modo più sostenibile, libero e produttivo”.

Lo ha annunciato Roberto Benaglia, segretario generale della Fim-Cisl. “La digitalizzazione e i salti tecnologici e organizzativi che stanno avvenendo in molte aziende metalmeccaniche devono motivarci a superare le barriere – ha affermato – verso la possibilità di ripensare i tempi aziendali e di ridurli non per il bene della competitività aziendale, ma ricercando un nuovo equilibrio e risultati migliori”.

Già lo scorso anno, al Congresso di Torino, la Fim si è soffermata sulla definizione di “lavoro equo”, proponendo di negoziare una forma di lavoro, soprattutto a livello aziendale, composta da 4 parti di tutte le attività e 1/5 di orario di lavoro ridotto, componenti che possono essere utilizzati anche per l’allenamento o per prendersi cura del carico.

“Non si tratta di ridurre l’orario di lavoro in maniera generalizzata come avveniva nel secolo scorso – ha aggiunto – ma rendere il lavoro più sostenibile e flessibile alle esigenze delle persone significa rendere i luoghi di lavoro più attraenti, in questo tempo in cui molti lavoratori, soprattutto giovani persone, stanno cambiando posti di lavoro e le competenze si stanno spostando nel mercato del lavoro. I sindacati devono rilanciare la sfida di vincere e innovare l’organizzazione del lavoro per contrattare e creare posti di lavoro produttivi e più sostenibili, anche per la popolazione lavorativa sempre più anziana ed esperta”.

Ciro Di Pietro

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....