mercoledì, Aprile 24, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Europarlamento approva direttiva Ue...

Armonizza definizioni reati, ma resta stupro basato su violenza Strasburgo, 24 apr. (askanews) –...

Autogol Lega su Autonomia,...

Opposizione attacca Presidente Commissione. Tajani chiede impegni sui Lep Roma, 24 apr. (askanews) –...

Vino, dal 27 al...

Tante novità al Salone dei giovani produttori e delle piccole Cantine Milano, 24 apr....

Imprese, CNA Federmoda: una...

Peggiora la crisi del settore moda Si addensano i venti di crisi nel settore...
HomeAttualitàLamborghini, Winkelmann: 2023...

Lamborghini, Winkelmann: 2023 partito bene. Ipo non è sul tavolo

Produzione 2024 già venduta. A fine marzo prima plug-in da 1015CV

Milano, 20 mar. (askanews) – Dopo un 2022 record, con ricavi per la prima volta sopra i 2 miliardi di euro (2,35 mld) e 9.233 auto consegnate (+7%), il presidente e Ceo di Lamborghini, Stephan Winkelmann, guarda con fiducia anche al 2023, “i primi due mesi sono andati bene, la produzione è venduta fino al 2024”, ma non vuole sbilanciarsi sui numeri ed esclude, almeno per il momento, la quotazione: “non è sul tavolo”. Il 2023 è un anno importante per Lamborghini che celebra i suoi 60 anni di attività con il debutto nel mondo elettrico, dando esecuzione al piano Direzione Cor Tauri che prevede investimenti per 2,6 miliardi al 2028.

A fine marzo è attesa la prima plug-in, l’erede dell’Aventador che monta il V12 abbinato a tre motori elettrici con batteria da 7 KW per 1.015 CV di potenza. “Ha il miglior peso potenza di sempre, abbiamo già venduto due anni di produzione e con il lancio ci aspettiamo un forte aumento degli ordini”. Entro il 2024 la gamma sarà tutta elettrificata con una riduzione delle emissioni del 50% e nel 2028 uscirà la prima elettrica, una GT 2+2, per un totale di 4 modelli. Sarà “un progetto nuovo che manca alla nostra gamma” e sarà prodotta sulla stessa linea dell’Urus, il supersuv che nel 2024 uscirà in versione plug in e nel 2029 full electric.

Tornando al presente, l’obiettivo è “una crescita controllata focalizzata sui margini (28% nel 2022). A livello di produzione abbiamo fatto un salto di 2mila pezzi dopo la pandemia. Abbiamo potenziale, ma non vogliamo andare oltre una crescita fisiologica e attesa dal mercato”.

Gli investimenti per l’elettrico “sono una sfida perché non avremo i margini che abbiamo con il V12 e con la Countach (in serie limitata), ma lavoreremo sul pricing”, considerando anche che oggi “il valore dell’usato è molto alto a causa dei tempi di attesa lunghi e della forte domanda”.

Infine una riflessione sul rinvio della Commissione europea allo stop a benzina e diesel dal 2035 che per i costruttori come Lamborghini prevede delle deroghe. “Abbiamo tempo, vedremo come evolve la situazione. Ma è importante poter decidere su quale soluzione puntare: c’è bisogno di chiarezza sulle regole che variano da mercato a mercato”. Fra le ipotesi i carburanti sintetici: “per emissioni di Nox e polveri sottili gli e-fuel sono ancora un problema soprattutto nei centri urbani. E poi c’è il tema dei costi, li vedo più un’opportunità per il motorsport e per le auto storiche”.

Correlati

Imprese, CNA Federmoda: una su due prevede fatturato in calo nel 2024

Peggiora la crisi del settore moda Si addensano i venti di crisi nel settore della moda: se l’anno scorso è stato complicato, le previsioni per il 2024 mostrano una tempesta, secondo i risultati di un’indagine condotta da CNA Federmoda su...

Urso (MIMIT): Italia coesa e affidabile per gli investimenti stranieri

Presentato al Ministero delle Imprese e del Made in Italy il nuovo Sportello Unico Attrazione investitori Il nuovo Sportello Unico Attrazione e Sblocco Investimenti, annunciato oggi al Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT), arriva in un momento...

Confagri: bene Def semplificato, chiarire tassazione agroenergie

Evidente difficoltà delle imprese agricole nella loro tenuta competitiva Confagricoltura, nel corso dell’audizione di ieri davanti alla Commissione paritetica di bilancio sul Def, ha sottolineato che le difficoltà di competitività delle imprese agricole sono evidenti per una serie di motivi,...