venerdì, Aprile 12, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Open d’Italia Disabili, al...

Nel giro finale in palio anche il titolo italiano Roma, 12 apr. (askanews) –...

Arabia Saudita, un volo...

Le proposte Visit Saudi per la destinazione a più rapida crescita Milano, 12 apr....

Salone Mobile, il meglio...

Alla Brussels House arredi e oggetti in chiave sostenibile Milano, 12 apr. (askanews) –...

Abruzzo, prima riunione Giunta,...

“Confronto e condivisione sulle sfide che ci attendono” Roma, 12 apr. (askanews) – “Oggi...
HomeAttualitàItalia-Brasile, Porta (Pd):...

Italia-Brasile, Porta (Pd): rinnovare accordo bilaterale su pensioni

“Anche con altri Paesi extra Ue per tutelare i dipendenti pubblici”

Roma, 15 feb. (askanews) – C’è la necessità di rinnovare l’accordo bilaterale tra Italia e Brasile, e non solo, sul riconoscimento dei contributi pensionistici per chi emigra all’estero e ha lavorato per un periodo in Italia. Lo chiede il deputato Fabio Porta del Pd, eletto nella circoscrizione estera, ripartizione America meridionale, lanciando un appello al governo e ai ministeri competenti.

“Le ultime segnalazioni mi sono giunte da un gruppo di docenti universitari italiani i quali insegnano in Brasile all’Universidade Federal Fluminense di Rio de Janeiro preoccupati per i loro futuri diritti e che per denunciare il problema e sensibilizzare il governo italiano hanno scritto ai ministeri degli Affari esteri, dell’Economia e delle Finanze e dell’Università evidenziando come l’esclusione dei dipendenti pubblici e dei liberi professionisti dall’accordo in vigore sia un deterrente alla mobilità e allo scambio scientifico tra i due Paesi, ma finora non hanno ottenuto riscontri positivi alle loro rivendicazioni”, spiega.

“Abbiamo a che fare con una discriminazione alla quale lo Stato italiano, ritengo, deve assolutamente porre rimedio, nonostante i costi che ciò potrebbe comportare; discriminazione ancor più penalizzante oggi in un periodo in cui le mobilità dei lavoratori da un Paese all’altro e dall’Italia all’estero sono riprese con maggior frequenza. Purtroppo considerato che non è giuridicamente possibile introdurre una legge nazionale ad hoc per ovviare al problema perché le convenzioni bilaterali sono strumenti giuridici internazionali concordati dai soli Paesi contraenti con accordi bilaterali specifici e sovranazionali che devono essere approvati dai Parlamenti dei rispettivi Paesi, l’unica soluzione è la modifica delle singole convenzioni bilaterali”, sottolinea.

“Nel caso del Brasile sono necessari interventi politici anche da parte di noi parlamentari eletti nella Circoscrizione estero per sollecitare il Governo italiano e i ministeri competenti a riprendere i negoziati – iniziati e poi abbandonati – per il rinnovo della convenzione tra i due Paesi (convenzione oramai obsoleta per svariati motivi). Nel prosieguo della legislatura non lascerò nulla di intentato affinché il problema sia messo in evidenza presso il governo e i ministeri competenti al fine di realizzare un rinnovo dell’accordo di sicurezza sociale con il Brasile che contempli, oltre al necessario aggiornamento normativo, anche la copertura previdenziale dei dipendenti pubblici e dei liberi professionisti attualmente esclusi”, conclude.

Correlati

La nave Duilio abbatte due droni nel mar Rosso

Nell’ambito dell’operazione dell’Unione Europea Aspides, nave Duilio ha abbattuto, in attuazione del principio di autodifesa, due droni aerei. Lo rende noto il ministero della Difesa. Duilio circa dieci giorni fa, quanto non era ancora base operativa di Aspides, aveva sventato...

Milano, Consiglio comunale approva assestamento di bilancio

Finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di euro Milano, 27 lug. (askanews) – Il Consiglio comunale di Milano ha approvato la variazione di assestamento del bilancio 2023. Attraverso la manovra vengono finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di...

Meloni: la mafia non ha avuto l’ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...