martedì, Luglio 16, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Torture e violenze in...

(Adnkronos) - Torture, maltrattamenti e violenze in un centro di educazione motoria...

Ue, confronto “intenso” Von...

(Adnkronos) - Trattative in Ue per raccogliere i voti necessari per la...

Monza, rapinata e violentata...

(Adnkronos) - Una donna è stata rapinata e violentata in un bar...

Attentato Trump, 86 secondi...

(Adnkronos) -  Testimoni avevano cercato di avvertire gli agenti della sicurezza almeno...
HomeAttualitàIraq-Ucraina, Blair: nessun...

Iraq-Ucraina, Blair: nessun paragone possibile

Venti anni fa l’invasione dell’Iraq

Roma, 20 mar. (askanews) – Vent’anni fa, l’ex primo ministro britannico Tony Blair ha trascinato il Regno Unito nella guerra in Iraq dietro gli Stati Uniti, una mossa che ha scatenato massicce proteste nel suo paese. Oggi rifiuta qualsiasi paragone tra l’Iraq, una guerra condotta senza mandato dell’Onu, e l’Ucraina, anche se il presidente russo Vladimir Putin ne ha fatto “una scusa”.

“Non c’è alcuna ragionevole giustificazione per invadere un Paese indipendente e sovrano, con un presidente democratico, (che non ha posto) alcun problema a nessuno” e non ha violato “nessun obbligo internazionale”, spiega Tony Blair in un’intervista all’AFP e ad altre agenzie di stampa europee. “Se non avesse usato questa scusa (dell’Iraq), ne avrebbe usata un’altra”, ha detto il 69enne ex leader laburista di Vladimir Putin.

L’ex dittatore iracheno Saddam Hussein ha provocato due guerre regionali, ha sfidato molteplici risoluzioni delle Nazioni Unite e ha lanciato un attacco chimico contro il suo stesso popolo, ricorda Tony Blair. “Almeno possiamo riconoscere che abbiamo rimosso un despota dal potere (in Iraq) per cercare di instaurare una democrazia”.

“Naturalmente possiamo discutere di tutte le conseguenze” della guerra in Iraq, ammette ma “non dobbiamo mai dimenticare quello che ha fatto Vladimir Putin in Medio Oriente, in Siria. (…) Il suo intervento in Medio Oriente è servito a mantenere un despota al potere e a rifiutare una democrazia. Quindi dovremmo trattare tutta questa propaganda con il poco rispetto che merita”, aggiunge Tony Blair.

Vladimir Putin è ora oggetto di un mandato d’arresto della Corte Penale Internazionale (CPI) per il crimine di guerra di “deportazione illegale” di bambini ucraini dopo l’invasione russa dell’Ucraina, decisione che secondo Mosca non ha alcun valore legale.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....