lunedì, Giugno 24, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Napoli, 14enne accoltellato alla...

(Adnkronos) - Lite alla partita di calcetto, 14enne accoltellato da un coetaneo...

Webuild con le campionesse...

(Adnkronos) - “We dream, we build, we win” è il fil rouge...

Uccidono cane di un...

(Adnkronos) - L’Organizzazione internazionale protezione animali presenterà denuncia alla Procura della Repubblica...

Parigi 2024, Malagò: “Faremo...

(Adnkronos) - "Faremo il record di qualificati ai Giochi Olimpici. In ogni...
HomeAttualitàIntelligence Usa: Cina...

Intelligence Usa: Cina sta riorientando postura nucleare

Pechino teme il rischio di “first strike” dagli Stati uniti

Roma, 8 mar. (askanews) – La Cina “sta riorientando la sua postura nucleare” perché i suoi leader ritengono che “le loro attuali capacità siano insufficienti” rispetto alla modernizzazione dell’arsenale nucleare Usa e perché paventano la possibilità di uhn attacco preventivo americano. Lo afferma il rapporto annuale di valutazione delle minacce redatto dalla comunità d’intelligence Usa e diffuso oggi dall’Ufficio del Direttore dell’Intelligence nazionale americana.

“La Cina sta riorientando la sua postura nucleare nell’ambito rivalità strategica con gli Stati Uniti, perché i suoi leader hanno concluso che le loro attuali capacità sono insufficienti”, si legge nella relazione.

“Pechino teme che le tensioni bilaterali, la modernizzazione nucleare degli Stati Uniti e le avanzate capacità convenzionali del PLA (Esercito di liberazione del popolo cinese, ndr.) abbiano accresciuto la probabilità di un ‘first strike’ degli Stati Uniti” continua la valutazione d’intelligence.

La Cina, a questo punto, “non è interessata – secondo il rapporto – ad accordi che limitino i suoi piani e non accetterà negoziati che assicurino vantaggi statunitensi o russi. E’ probabile che la maggiore fiducia di Pechino nel suo deterrente nucleare rafforzi la sua determinazione e intensifichi i conflitti convenzionali” e al momento “sta costruendo centinaia di nuovi silos di missili balistici intercontinentali”.

Accanto all’arsenale nucleare, la Repubblica popolare continua anche a rafforzare decisamente le sue forze convenzionali. “Il governo cinese continuerà a perseguire il suo obiettivo di costruire un esercito di livello mondiale che gli consenta di cercare di proteggere quello che considera il suo territorio sovrano, tentare di stabilire la sua preminenza negli affari regionali e proiettare il potere a livello globale, compensando al contempo la percepita superiorità delle forze statunitensi”, valuta la relazione dell’intelligence di Washington.

Pechino sta lavorando “per raggiungere il suo obiettivo di mettere in campo un esercito entro il 2027 in grado di scoraggiare l’intervento degli Stati uniti” in un futuro conflitto con Taiwan, spiega ancora la relazione

La Marina e l’Aeronautica dell’PLA “sono già le più grandi della regione e continuano a mettere in campo piattaforme avanzate che migliorano la capacità della Cina di provare a stabilire la superiorità aerea e proiettare potenza oltre la prima catena di isole”, sostiene l’intelligence Usa. “I sistemi convenzionali a corto, medio e intermedio raggio della PLA Rocket Force (PLARF) probabilmente possono già mettere a rischio le forze e le basi statunitensi nella regione”.

Le forze cinesi “continueranno a perseguire la creazione di installazioni militari e di accordi di accesso nel tentativo di proiettare il potere e proteggere gli interessi della Cina all’estero”, mentre Pechino “sta facendo progressi discontinui verso la creazione di strutture militari all’estero, il PLA probabilmente continuerà a utilizzare approcci su misura per affrontare le sfide locali mentre cerca di migliorare le relazioni con i paesi disponibili e portare avanti i suoi obiettivi di presenza militare all’estero”, scrive ancora la comunità d’intelligence, precisando che “oltre a continuare a sviluppare la sua base esistente a Gibuti, secondo quanto riferito Pechino, sta perseguendo potenziali basi in Cambogia, Guinea equatoriale e Emirati arabi uniti”.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....