venerdì, Maggio 24, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Padova, esplode bombola di...

(Adnkronos) - Sono ricoverate con gravi ustioni madre di 32 anni e...

Giro d’Italia, Vendrame vince...

(Adnkronos) - Andrea Vendrame vince in solitaria la 19/a tappa del Giro...

Meloni ‘Mr Wolf’: “Ogni...

(Adnkronos) - ''Io non sono il tipo di persona che riesce a...

Roland Garros, Sinner: “Anca...

(Adnkronos) - Jannik Sinner in campo al Roland Garros 2024, al via...
HomeAttualitàFrancia, Macron: popolo...

Francia, Macron: popolo si esprime tramite eletti, non in piazza

Oggi il presidente in diretta tv parla ai francesi

Roma, 22 mar. (askanews) – Dopo la mancata approvazione lunedì all’Assemblea nazionale di due mozioni di censura contro la riforma delle pensioni, Emmanuel Macron (che oggi parlerà al telegionale delle 13) ha voluto rimobilitare le sue truppe. Martedì sera, quindi, il presidente della Repubblica ha ricevuto i deputati ei senatori della maggioranza durante un ricevimento all’Eliseo. Obiettivo: serrare i ranghi dopo l’incomprensione e lo sgomento provocato dalle proteste sulla riforma delle pensioni.

Di fronte agli episodi di violenza che ogni sera colpiscono diverse grandi città, il presidente mostra i muscoli. “La nostra rotta è chiara. Dobbiamo garantire l’ordine democratico e repubblicano (…) un ordine che abbia una società equilibrata e rispettosa, ma dove le istituzioni siano al centro”, ha insistito Emmanuel Macron, rifiutando che “si stabilisca una forma di inversione di valori”, secondo i commenti riportati dai partecipanti. Il Capo dello Stato si è spinto anche un po’ oltre: “la folla” ha detto, non ha “alcuna legittimità di fronte al popolo che si esprime sovrano attraverso i suoi eletti”.

Mentre le opposizioni hanno criticato nei giorni scorsi un articolo costituzionale sinonimo di negazione democratica, cioè la scelta di non sottoporre al voto la riforma delle pensioni, Emmanuel Macron ha ostinatamente difeso il processo scelto. “Usare la Costituzione per fare una riforma è sempre un bene se vogliamo essere rispettosi delle nostre istituzioni”, ha tuonato il capo dello Stato. Perché dopo aver visto il governo Borne a malapena salvato durante la mozione di censura del gruppo Liot, respinta per nove voti, le opposizioni hanno trovato lì carburante per continuare la loro lotta. “In democrazia, non è perché un testo passa per pochissime voci che è illegittimo. (…)e ha aggiunto: il voto di ieri ha mostrato che “non c’è maggioranza alternativa alla sua”.

Se la decisione di attivare la norma 49.3 (cioè di non votare in aula la riforma dell’età pensionabile) è stata criticata tanto dalle opposizioni quanto dai sindacati, il presidente della Repubblica riconosce che, dalla presentazione della riforma a inizio gennaio, l’esecutivo “non è riuscito a condividere il vincolo con i politici forze e forze sociali. Un modo per “ringraziare” meglio la sua maggioranza che “è stata presente fino alla fine”. Ed Emmanuel Macron per blandire ulteriormente il suo pubblico ha aggiunto: “I miei ringraziamenti vanno anche a tutti voi perché i gruppi di maggioranza hanno retto in maniera impeccabile. Lei ha tenuto i dibattiti in circostanze senza precedenti di inciviltà, brutalità e molestie con commenti inaccettabili. Soffiando caldo e freddo, l’inquilino dell’Eliseo augura d’ora in poi l’apertura di “un periodo in cui è necessario placare, calmare, tornare in campo e ascoltare la rabbia”.

Va detto che il presidente non perde occasione per inveire contro i comportamenti e gli sfoghi dei Nupes in Assemblea. In un contesto molto esplosivo dove il ministro del Lavoro è stato il bersaglio preferito dell’opposizione durante il dibattito parlamentare, Emmanuel Macron ha approfittato di trovarsi davanti alle sue truppe per “avere una parola speciale per Olivier Dussopt che ha portato il testo con grande coraggio nonostante attacchi atroci”.

Mentre la riforma deve ancora essere varata ed esaminata dal Consiglio costituzionale, Emmanuel Macron guarda già al futuro per ricominciare il suo secondo quinquennio: “Dobbiamo anche fare progressi su tre grandi progressi per i francesi: sanità, scuola e educazione.’ecologia. E allo stesso tempo, dobbiamo organizzare la società della piena occupazione per pensare alla fine delle carriere, lunghe e dolorose carriere mentre la disoccupazione degli anziani è al minimo da quindici anni. A Emmanuel Macron non resta che spiegare ai francesi le sue scelte e le sue ambizioni. In questo senso, il presidente sarà ospite del telegiornale di TF1 e France 2 mercoledì alle 13:00.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....