lunedì, Marzo 4, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Calcio, Sarri: “Niente è...

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma, 4 mar. (askanews) – Proverà a...

Regolamento sugli imballaggi, c’è...

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve i dettagli Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Parlamento al voto su...

In commissione alla Camera opposizioni in ordine sparso:Pd a favore, M5s oggi astenuto...

Torino-Lione, si parte con...

Firmato protocollo d’intesa tra Regione Piemonte e Osservatorio Tav Roma, 4 mar. (askanews) –...
HomeAttualitàEnea, supercomputer CRESCO:...

Enea, supercomputer CRESCO: 150 mln di ore di calcolo in un anno

Per attività ricerca e sviluppo in numerosi ambiti di 150 utenti

Roma, 2 mar. (askanews) – Il supercomputer CRESCO dell’ENEA ha fornito 150 milioni di ore di calcolo in un anno a supporto di attività di ricerca e sviluppo di 150 utenti tra istituzioni di ricerca e imprese. È quanto emerge dal report “High Performance Computing on CRESCO Infrastructure: research activity and results 2021”, che ha raccolto i principali risultati disponibili nei diversi campi di ricerca coinvolti, quali scienza dei materiali, energia, clima, tecnologie nucleari, dinamica molecolare, fisica del plasma e biotecnologie. Tra i principali utilizzatori dei servizi di CRESCO: Cnr, Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) e le università Sapienza e Tor Vergata di Roma, Federico II di Napoli, della Calabria, di Firenze e Politecnico delle Marche e di Madrid.

“Il contributo di CRESCO alla ricerca nazionale è sempre in aumento, come dimostra il trend in crescita rilevato dal primo report del 2008 a oggi. L’ultimo rapporto conta 33 articoli peer-reviewed che illustrano i principali risultati ottenuti dai gruppi di ricerca nel 2021 utilizzando ENEAGRID e i cluster HPC CRESCO, a testimonianza dell’importanza delle strutture HPC dell’ENEA per la comunità di ricerca nazionale e internazionale” sottolinea Giovanni Ponti, responsabile ENEA della Divisione per lo Sviluppo Sistemi per l’Informatica e l’ICT.

“Il grande impegno dell’ICT nelle attività progettuali in corso, anche e soprattutto in relazione alla partenza del PNRR, lascia spazio a ulteriori collaborazioni scientifiche e a future esigenze di calcolo. Per far fronte alle nuove necessità abbiamo già in programma upgrade di CRESCO, in grado di mettere l’ENEA in prima linea fra le infrastrutture di calcolo ad alte prestazioni a disposizione della comunità scientifica nazionale e internazionale” conclude Ponti.

Il rapporto – si legge nella notizia pubblicata nell’ultimo numero in italiano del settimanale ENEAinform@ – mostra l’ampio spettro di applicazioni del calcolo ad alte prestazioni, che è diventato una tecnologia abilitante a tutto tondo per la scienza e l’ingegneria. Dal 2008 le principali risorse computazionali dell’ENEA si trovano presso il Centro Ricerche di Portici, vicino a Napoli.

Correlati

Milano, Consiglio comunale approva assestamento di bilancio

Finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di euro Milano, 27 lug. (askanews) – Il Consiglio comunale di Milano ha approvato la variazione di assestamento del bilancio 2023. Attraverso la manovra vengono finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di...

Meloni: la mafia non ha avuto l’ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...

Mafia, Meloni: non ha avuto ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...