lunedì, Marzo 4, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Calcio, Sarri: “Niente è...

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma, 4 mar. (askanews) – Proverà a...

Regolamento sugli imballaggi, c’è...

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve i dettagli Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Parlamento al voto su...

In commissione alla Camera opposizioni in ordine sparso:Pd a favore, M5s oggi astenuto...

Torino-Lione, si parte con...

Firmato protocollo d’intesa tra Regione Piemonte e Osservatorio Tav Roma, 4 mar. (askanews) –...
HomeAttualitàDe Gennaro: guerra...

De Gennaro: guerra Ucraina occasione per ricompattare Occidente

Crowley: guerra ha implicazioni globali

Roma, 6 mar. (askanews) – “Transatlantic Forum: the future of west”. L’intervento armato della Russia in Ucraina è partito ormai da più di un anno e al Centro Studi Americani a Roma è andato in scena un dibattito sulla conseguenze di questo conflitto. A introdurre i lavori è stato Gianni De Gennaro, presidente del Centro Studi Americani. Che ha ricordato come la “frattura” aperta otto anni fa da Mosca con l’annessione della Crimea si trasformata in una “drammatica rottura”.

Un conflitto che ha “chiari risvolti strategici”, ha aggiunto De Gennaro, che si è chiesto però se “questa guerra non possa rappresentare un’inaspettata – pur se depracabile – occasione per rifletttere su come possiamo ricompattarci”. La libertà, ha sottolineato il presidente del Centro Studi Americani, “non è scontata, ma è una conquista che tutti abbiamo il dovere di difendere”. Anche attraverso l’apporto della Nato, “sempre più moderna ed efficace nelle sfide”. Occorre cercare di capire, ha concluso, “come immaginare il futuro dell’Occidente: per farlo non dobbiamo perdere il nostro passato, perchè se conosciamo la nostra storia” le giovani generazioni potranno avere “fiducia nel loro futuro”.

E’ stata una “guerra non solo improvvisa, ma anche relativamente imprevista”, ha detto da parte sua Giulio Tremonti, presidente dell’Aspen Institute Italia collegato da remoto, “Quella in Ucraina è una guerra che si manifesta su tre dimensioni: tempo (conosciamo la data iniziale, ma non è prevedibile la data finale), estensione su un quadrante geopolitico sempre più vasto, dimensione dell’ideologia che si sta sviluppando nel dominio economico”. La speranza, ha sottolineato, “è che si possa parlare al più presto di una dimensione europea dell’Ucraina”.

“Questa crisi è il rifiuto della Russia dell’Europa del dopoguerra, l’Europa libera”, ha detto Shawn Crowley, incaricato d’affari dell’ambasciata degli Stati Uniti in Italia, “E’ la Russia che si è allontanata dagli accordi, puntando contro la Nato e i principi che governano la pace internazionale. Queste parole sono vere oggi come lo erano un anno fa. La lunga guerra ha implicazioni globali che richiedono una risposta transatlantica unita. C’è stata una risposta efficace e ingegnosa e il tentativo di annettere un altro Paese sovrano è fallito”.

Crowly ha ricordato come “missili e droni” russi hanno puntato “alle infrastrutture, cercando di privare la popolazione di elettricità e di acqua”. Poi ha ricordato le missioni a Kiev di Joe Biden e Giorgia Meloni, sottolineando come “americani ed europei vogliono vivere in un mondo che intendono difendere”. Quanto all’Italia, l’ha definita una “componente fondamentale della risposta transatlantica”, che ha inoltre “aperto una strada incoraggiando altri stati a fornire all’Ucraina una prospettiva europea”. Un’Italia che ha rafforzato la “posizione di leadership all’interno della Nato e del G7”.

Correlati

Milano, Consiglio comunale approva assestamento di bilancio

Finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di euro Milano, 27 lug. (askanews) – Il Consiglio comunale di Milano ha approvato la variazione di assestamento del bilancio 2023. Attraverso la manovra vengono finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di...

Meloni: la mafia non ha avuto l’ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...

Mafia, Meloni: non ha avuto ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...