venerdì, Giugno 14, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Euro 2024, Germania-Scozia 5-1:...

(Adnkronos) - La Germania travolge la Scozia per 5-1 oggi a Monaco...

G7, manifestanti su stuttura...

(Adnkronos) - Fuori programma alla Fiera del levante di Bari, dove è...

SuperEnalotto, numeri combinazione vincente...

(Adnkronos) - Estratta la combinazione vincente del SuperEnalotto. Nessun 6 né 5+1,...

Milano, incendio in autofficina:...

(Adnkronos) - Tre persone sono morte e tre sono rimaste ferite nell'incendio...
HomeAttualitàCortometraggio del Consorzio...

Cortometraggio del Consorzio Vino Chianti Classico su mito del gallo nero

Proiettato ieri al Maggio Musicale Fiorentino e oggi alla Leopolda

Milano, 14 feb. (askanews) – Il Consorzio Vino Chianti Classico ha prodotto il cortometraggio “La leggenda del gallo nero”, che narra in circa 15 minuti “il mito che avvolge l’origine del marchio che contraddistingue tutte le bottiglie di vino Chianti Classico”. Il racconto cinematografico si snoda nel corso di una notte, “in un non meglio precisato anno di epoca medioevale, in cui si decisero le sorti dei Comuni di Firenze e di Siena, piagati da una guerra sanguinosa per la supremazia sulle ricche terre del Chianti Classico, crocevia fondamentale tra le due città”.

Le cronache del Medioevo attestano i continui scontri tra i due Comuni ma anche anche una leggenda fondativa della cultura chiantigiana. Anziché perseverare nella guerra, Firenze e Siena si accordarono per fissare il confine dove si sarebbero incontrati due cavalieri, che dovevano muoversi dalle rispettive città al canto del gallo: i fiorentini, con un astuto espediente, tennero a digiuno l’animale designato a cantare all’alba, un gallo nero, e fecero sì che il gallo levasse il suo caratteristico verso nel cuore della notte, dando il via al cavaliere fiorentino con largo anticipo. Fu così che il gallo nero riportò la pace e l’unione in quelle terre martoriate.

“La Leggenda del Gallo Nero”, girato tra le colline del Chianti Classico (con gli accampamenti dei cavalieri nel Castello di Brolio e nel Castello di Gabbiano), è stato presentato ieri al Maggio Musicale Fiorentino, e proiettato fino alle 20 di oggi alla Stazione Leopolda nell’ambito della “Chianti Classico Collection”.

In merito alla scelta del gallo nero come simbolo da parte dei 33 produttori di vino che nel maggio 1924 fondarono il Consorzio Vino Chianti Classico (il più antico d’Italia), il presidente, Giovanni Manetti ha spiegato che “questo è un vero e proprio mito fondativo, è in questo simbolo che si riconoscono non solo centinaia di produttori di vino e di olio Chianti Classico, ma anche tutta la comunità che abita questo territorio: è sinonimo di un’identità condivisa”.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....