lunedì, Maggio 27, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Influencer ferita a Biella,...

(Adnkronos) - Sebbene Soukaina El Basri, conosciuta come Siu, sia uscita dal...

Ucraina, record per drone...

(Adnkronos) - Un drone ucraino a lungo raggio ha attaccato un sistema...

Long covid può compromettere...

(Adnkronos) - Il Long Covid può compromettere la capacità lavorativa. Molte ricerche...

Isola dei famosi 2024,...

(Adnkronos) - Dario Cassini abbandona l'Isola dei famosi 2024. In seguito al...
HomeAttualitàCalabria, Scuticchio: fare...

Calabria, Scuticchio: fare musica qui è un’utopia

Il Dj invita Rosa Chemical e si fa portavoce di un disagio giovanile collettivo

Roma, 10 mar. (askanews) – Giorgio Scuticchio, di professione dj, si fa portavoce di un disagio collettivo che riguarda i giovani meridionali. Al Sud, dice, inseguire i propri sogni, soprattutto se musicali, è impossibile. Un disagio collettivo che riguarda anche la sciatteria con cui si sfruttano le bellezze naturali. Uno scrigno spesso maltratto e scarsamente valorizzato. Un palcoscenico naturale che aiuterebbe anche chi vuole esprimersi liberamente…

I dati sono impietosi. I giovani italiani lasciano mamma e papà attorno ai 30 anni di età, mentre in Europa la media si attesta a 26. Ma mica finisce qui: quando i nostri ragazzi riescono a mettersi in proprio faticano a trovare lavoro. Che spesso risulta malpagato e fonte di sfruttamento. Eurostat, con i suoi dati, fotografa una situazione intollerabile e spiega che, fra i 20 e i 24 anni, la retribuzione è da fame, rispetto all’impegno profuso, e che, negli ultimi due anni, la quota dei cosiddetti sottopagati è cresciuta di tre punti, passando dal 12,3 al 15,3 per cento: “Ma se quei numeri che già di per sé dovrebbero far riflettere, si riferissero solo al Meridione sarebbero ancora più preoccupanti – dice Giorgio Scuticchio, di professione dj – La musica è la mia passione ma farla in Calabria è davvero impresa ardua. Rosa Chemical, a Sanremo, ha mostrato al mondo che è possibile esprimersi liberamente. Ma, al Sud, questo è pura utopia”.

Solo frivolezze, dicono. Di musica non si mangia, spiegano. Vai a lavorare, consigliano: “Nella mia terra, bella, ma nello stesso tempo difficile, fare arte è complicato – continua Scuticchio – non solo per le opportunità che vengono offerte, ma, anche e soprattutto, per il clima che si crea. Lavoro otto ore al giorno per guadagnarmi da vivere e per dedicarmi poi alla mia passione. Il problema è che, qui da me, si lanciano missili contro l’autostima, si rivolgono critiche dannose, si sputa veleno contro chi vuole inseguire i propri sogni. E questo fiume di commenti negativi fa male, scuote l’anima, uccide i sogni. Quando sottolineano che l’articolo 21 della Costituzione garantisce, sotto varie forme, di dire quello che si pensa, sottolineo sempre che questo non vale per chi vuole fare l’artista in Calabria”.

Un disagio che diventa collettivo e di cui Giorgio si fa portavoce: “Oggi ho trovato la mia isola felice -spiega- in una radio di Ibiza, Radio Ibiza Stardust. Una radio dove posso farmi conoscere. Ma anche sui social musicali come MixCloud e SoundCloud, passo dopo passo, mi sto costruendo la mia piccola notorietà. Parlo di due piattaforme di riferimento, a livello mondiale, per aspiranti dj come me. Lavoriamo fino allo sfinimento per poter realizzare i nostri sogni. Ma vorremmo almeno essere giudicati meglio, avere più occasioni e capire se stiamo solo perdendo tempo o possiamo fare, con la nostra arte, qualcosa di importante al prossimo. A me piacerebbe tanto che Rosa Chemical o, perché no, Achille Lauro, paladini della libertà di espressione, ci venissero a trovare per accendere i riflettori su una realtà mortificata. Per testimoniare che esistiamo. Che siamo vivi. Che abbiamo qualcosa da dare”.

Una denuncia che parte come personale ma che diventa poi collettiva e abbraccia vari settori. Non solo quello artistico e musicale: “La verità -afferma Scuticchio- è che qui si sottovaluta tutto. Si sottovalutano le persone, con i loro desideri, ma si sottovalutano anche le bellezze naturali che abbiamo e che non riusciamo, diciamo così, a sfruttare adeguatamente. Il nostro mare dovrebbe essere fonte di ricchezza per tutti. Per le strutture ricettive, per i ristoranti, per chi, in quel settore, lavora ma anche per noi artisti. Se ci fossero politiche adeguate ad attirare qui turisti italiani e stranieri, avremmo anche noi musicisti un palcoscenico dove esibirci. E invece no. Niente. Preferiamo fare i conti con i dati sul tasso di disoccupazione giovanile che qui, come è noto, supera il 50%. Mi chiedo perché tutto questo”.

Qualcuno, a questo punto, potrebbe suggerire di andare altrove. Di emigrare, insomma: “Non ci penso nemmeno – chiosa Scuticchio – se tutti la pensassero così, le nostre terre si svuoterebbero delle migliori energie. Io non ci sto. Resto qui e combatto. Anche grazie alla mia famiglia e, in particolare, a mio padre che mi sorregge nei momenti di sconforto. Potrei essere uno dei tanti che qui vorrebbero semplicemente esprimersi dal punto di vista artistico ma non hanno la possibilità di farlo. Uno dei tanti che però caparbiamente ci prova e vuole realizzarsi, avere una possibilità”.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....