lunedì, Luglio 15, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Vaccini nei bambini, allarme...

(Adnkronos) - Stallo delle vaccinazioni pediatriche nel mondo, con coperture che restano...

Coppa America 2024, Argentina...

(Adnkronos) - L'Argentina vince la Coppa America 2024. Nella finale di Miami,...

Caso Morgan e Angelica...

(Adnkronos) - "Ok, va bene, vi racconto tutta la storia, la verità...

Brenda e Kelly, l’addio...

(Adnkronos) - "Sto ancora elaborando il mio enorme dolore per la perdita...
HomeAttualitàUna leggenda dell'arte...

Una leggenda dell’arte nel suo divenire: Meredith Monk a Milano

Concerto in Triennale in collaborazione con Pirelli HangarBicocca

Milano, 19 feb. (askanews) – Quando sale sul palco, in un magnifico completo rosso, si ha subito la sensazione di assistere a un momento importante, a qualcosa di significativo. È una donna minuta, che cammina con il sorriso, ma anche con la consapevolezza dell’età. Poi quando inizia a cantare la sua voce si impossessa completamente della scena, anzi in un certo senso la sua voce era la scena e la rende possibile. Meredith Monk, artista americana classe 1942, è una vera e propria leggenda del contemporaneo, che è arrivata al FOG Festival di Triennale Milano grazie alla collaborazione con Pirelli HangarBicocca, come evento collegato alla mostra di Bruce Nauman. Proprio con Nauman, uno degli artisti chiave del secondo Novecento, Monk ha collaborato a partire dagli anni Sessanta e ascoltandola e vedendo il modo in cui il suo lavoro si manifesta sul palco, complice anche una scenografia perfetta nel suo essere minimale, si capisce il punto comune tra le due figure: il ragionamento sullo spazio non solo come spazio fisico, ma come dimensione più ampia, fatta di suoni, movimenti e corpo.

L’energia di Meredith Monk, la forza della sua voce, il modo in cui innesta il contemporaneo su una struttura classica di canto, le articolazioni imprevedibili dei toni, il continuo gioco sui contrappunti: lo spettacolo in Triennale è anche una lezione di molteplicità, nel senso che sarebbe piaciuto a Italo Calvino, il cui Barone rampante scivola sugli alberi di Ombrosa nello stesso modo in cui la voce dell’artista si innalza e si abbassa sul proscenio, una serie di fughe e ritorni che, alla fine, compongo un quadro armonico sostenuto da una grande eterogeneità. Un’immensa foresta sonora che però si regge solo sulla voce di una donna e del suo ensemble, composto da Katie Geissinger e Allison Sniffin, e che ha comunque il respiro di un luogo sconfinato. Il luogo dove l’arte accade.

I pezzi di Meredith Monk, le sue canzoni, insistono sulla storia del teatro e sulle lezioni della musica contemporanea, ma anche sulla rimodulazione dell’idea stessa di canto, sul cui allargamento dei confini si regge una pratica di lungo periodo. Ma tutto questo accade con una leggerezza (altra parola calviniana) che però, come ogni vera leggerezza, si regge su una consapevolezza storica e culturale che emerge da ogni passaggio e da ogni scelta di tono. Quella stessa consapevolezza invisibile che alimenta il lavoro di Bruce Nauman, per chiudere il cerchio. Che si può completare anche con un rimando a un’altra leggenda dell’arte americana, come Joan Jonas, se non altro per l’incredibile intensità della figura e del lavoro di entrambe.

Il concerto in Triennale è stato un evento per il mondo dell’arte, bastava guardare quanti artisti, curatori, direttori di musei e istituzioni fossero presenti in sala. Un grande omaggio e una grande occasione, per certi versi forse unica, di abbracciare la storia dell’arte contemporanea nel suo divenire, attraverso una figura straordinaria nella sua singolarità come quella di Meredith Monk.

(Leonardo Merlini)

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....