martedì, Luglio 16, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Caldo estremo sull’Italia, oggi...

(Adnkronos) - Ancora una giornata rovente sull'Italia, colpita da Nord a Sud...

Von der Leyen cerca...

(Adnkronos) - Bocche super cucite in Fratelli d'Italia, ieri, alla vigilia dell'incontro...

Trump sceglie Vance, il...

(Adnkronos) - Donald Trump sceglie il senatore JD Vance come candidato vice...

Biden attacca: “Trump e...

(Adnkronos) - "Ecco l'accordo su J.D. Vance. Parla dei lavoratori. Ma ora,...
HomeAttualità##Ue, Ok definitivo...

##Ue, Ok definitivo a piano REPowerEU per nuovi capitoli nei Pnrr

Sovvenzioni per 20 mld e nuovi prestiti per sicurezza energetica

Bruxelles, 21 feb. (askanews) – Il Consiglio affari generali dell’Ue svoltosi oggi a Bruxelles ha dato la sua approvazione definitiva al testo del Regolamento sul piano “REPowerEU” che prevede la possibilità di aggiungere un nuovo capitolo, da presentare entro fine aprile, ai Piani nazionali di ripresa e resilienza (Pnrr) sottoposti dagli Stati membri alla Commissione nel quadro del Recoveru Plan post pandemico “NextGenerationEU”, con nuovi progetti da realizzare entro il 2026.

I nuovi progetti dovranno riguardare gli obiettivi specifici di REPowerEU, che la Commissione europea aveva proposto il 18 maggio 2022, sullo sfondo della guerra in Ucraina, per liberare al più presto l’Ue dalla dipendenza dai carburanti fossili russi. Gli obiettivi riguarderanno specificamente piani per il risparmio e l’efficienza energetica e per lo stoccaggio del gas, la diversificazione delle fonti di approvvigionamento di gas e petrolio (anche attraverso nuove infrastrutture), oppure la loro sostituzione con nuovi impianti di fonti rinnovabili, e con l’elettrificazione.

Il Consiglio Ue ha formalizzato l’accordo sul testo del regolamento che era stato raggiunto con il Parlamento europeo, e approvato dalla plenaria di Strasburgo il 14 febbraio scorso, con 535 voti a favore 63 contrari e 53 astensioni.

Il regolamento prevede fra l’altro nuove risorse da destinare ai Pnrr, consistenti in 20 miliardi di euro aggiuntivi in sovvenzioni Ue a fondo perduto (finanziate per il 40% con i proventi del sistema europeo Ets per lo scambio dei permessi di emissione, e dal 60% dal Fondo per l’Innovazione, finanziato anch’esso dall’Ets). La chiave di ripartizione fra gli Stati membri di queste sovvenzioni assegna all’Italia 2 milardi e 760 milioni di euro, la quota maggiore (il 13,8% del totale) a pari merito con la Polonia. Non solo: i paesi che lo vorranno potranno chiedere ulteriori prestiti Ue dal Fondo di Recovery Rrf per i progetti aggiuntivi del nuovo capitolo REPowerEU dei loro Pnrr, anche quando, come nel caso dell’Italia, i prestiti loro assegnati sono stati già tutti richiesti. Ad oggi, restano formalmente ancora 225 miliardi di euro di prestiti non richiesti, che dovrebbero però ridursi a 140 dopo che la Spagna, come ha indicato, chiederà di utilizzare gli 85 miliardi che le erano stati assegnati. Altri paesi (come Belgio, Portogallo, Slovachia, Repubblica ceca, Polonia e Ungheria) Repubblica Ceca, potrebbero ripensarci e chiedere i prestiti del fondo Rrf loro assegnati e non ancora o solo parzialmente richiesti. Resterebbe comunque una somma considerevole di prestiti Ue che i paesi destinatari non hanno interesse a richiedere, perché (come nel caso di Germania e Olanda) raccogliendo direttamente i capitali sui mercati possono spuntare tassi di interesse più favorevoli rispetto a quelli applicati alla Commissione, e senza condizioni aggiuntive.

Gli Stati membri interessati ai nuovi prestiti dovranno manifestare il proprio interesse entro fine marzo, indicando i nuovi obiettivi, ma avranno il 31 agosto come scadenza vincolante per formalizzare la richiesta.

E’ prevista, inoltre, una ulteriore flessibilità per i fondi Ue di sviluppo regionale (Fondo europeo di sviluppo regionale, Fondo sociale europeo e Fondo di coesione), che potranno essere ri-orientati in parte per gli obiettivi di REPowerEU, in particolare per quanto riguarda il sostegno alle Pmi e alle famiglie più vulnerabili, colpite dai rincari energetici. Infine, gli Stati membri potranno anche ri-destinare agli stessi obiettivi una parte dei fondi che sono stati loro assegnati con la riserva di adeguamento alla Brexit, da 4,5 miliardi di euro complessivi. La decisione di oggi del Consiglio Ue “consentirà di integrare il Pnrr ed investire sull’autonomia e la sicurezza energetica del nostro Paese”, ha commentato con una nota il ministro italiano per gli affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il Pnrr, Raffaele Fitto, che rappresentava l’Italia al Consiglio Affari generali.

“Il nostro governo – ha aggiunto Fitto nella nota – ha già avviato un confronto in cabina di regia con tutte le amministrazioni centrali responsabili e con le principali aziende statali. Il nostro obiettivo nei prossimi giorni è definire un programma che effettivamente abbia dei progetti realizzabili entro il 2026”.

“Il REPowerEU è una straordinaria opportunità per il nostro paese e per l’Europa, in quanto la sicurezza energetica del nostro paese potrà avere ripercussioni positive per l’intera Europa. In tal senso i progetti che intendiamo proporre hanno come obiettivo quello di far diventare l’Italia un grande hub energetico europeo del Mediterraneo, così come indicato dal Presidente del Consiglio Giorgia Meloni”, ha concluso Fitto.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....