martedì, Luglio 16, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Caldo estremo sull’Italia, oggi...

(Adnkronos) - Ancora una giornata rovente sull'Italia, colpita da Nord a Sud...

Von der Leyen cerca...

(Adnkronos) - Bocche super cucite in Fratelli d'Italia, ieri, alla vigilia dell'incontro...

Trump sceglie Vance, il...

(Adnkronos) - Donald Trump sceglie il senatore JD Vance come candidato vice...

Biden attacca: “Trump e...

(Adnkronos) - "Ecco l'accordo su J.D. Vance. Parla dei lavoratori. Ma ora,...
HomeAutoprodottiTra fallimento e...

Tra fallimento e liquidazione le imprese perdono 81mila posti di lavoro

Cerved: industria e servizi i settori più colpiti

Tra fallimento e liquidazione volontaria, l’Italia perde 81mila posti di lavoro nella prima metà del 2023 e oltre un miliardo di euro di valore aggiunto. Importi dei debiti finanziari a 2,5 miliardi e debito commerciale a 1,8 miliardi).

Per la prima volta nel secondo trimestre del 2023, dopo un anno e mezzo di calo, il numero di insolvenze di imprese italiane è tornato a crescere (+1,5% rispetto allo stesso periodo del 2022, 2.070 contro 2.039) mentre il numero di liquidazioni private è aumentato fortemente (+26,1%, 10.446 contro 8.282). E’quanto rileva Cerved.

In particolare, sono fallite le piccole e medie imprese (ma non quelle molto piccole). La crisi di liquidità e l’allungamento dei tempi di pagamento ai fornitori, che spesso si traducono in ritardi o mancati pagamenti, hanno messo le PMI in una situazione sempre più difficile, come già evidenziato nel 2022.

Le ditte individuali (+27,7%) sono in testa al numero di fallimenti. Le società di capitali hanno registrato un leggero aumento complessivo (+0,3%), trainato in particolare da quelle con un fatturato compreso tra 2-10 mln di euro (+44,8%).

I settori più colpiti sono stati l’industria (+5,2%) e i servizi (+1%), dove i livelli di indebitamento sono stati elevati. A livello più disaggregato, i prodotti da forno (+84,6%), gli alberghi (+50%), i prodotti da costruzione all’ingrosso (+36%), i servizi medici (+33,3%), le lavorazioni meccaniche e metallurgiche (+24%), la carpenteria metallica (+23,1%), i servizi informatici e di software (+20,8%) e la ristorazione (+20,3%) ) hanno registrato la crescita maggiore.

Sono i settori/industrie che nel 2022 presentavano alti livelli di indebitamento o lunghi termini di pagamento ai fornitori. In dettaglio si tratta di ristorazione, alberghi, carpenteria metallica, agricoltura e servizi non finanziari.

Ciro Di Pietro

Immagine di pikisuperstar su Freepik

Correlati

Fare business e valorizzare il patrimonio culturale: ecco le nuove frontiere del turismo

A Napoli dal 5 al 7 giugno conferenza internazionale del progetto europeo di ricerca e innovazione Horizon 2020 Be.CULTOUR Rigenerare e valorizzare il patrimonio culturale, responsabilizzando le comunità locali e potenziando le loro capacità imprenditoriali per co-creare e testare innovazioni...

Imprese, per Harmonic Innovation Group integrazione con EHT Holding

60 milioni di capitali raccolti tra finanziamenti di importanti Operatori e investimenti di privati, imprese e Istituzioni L’Assemblea generale degli azionisti di Harmonic Innovation Group Società Benefit ha approvato la fusione con EHT Holding, Consorzio catanese che riunisce 80 aziende,...

Festa dei Fiori al Decumano del Mare

Lo scorso 25 maggio in via de Marinis al centro storico di Napoli si è consumato l’ennesimo atto di violenza inaudita che ha sconvolto la comunità di questa parte della città che oggi viene riconosciuta come “Decumano del Mare”. Cinque...