lunedì, Marzo 4, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Ue, cosa prevede l’accordo...

Accolte eccezioni su obiettivi riuso, restano divieti plastica monouso Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Calcio, Sarri: “Niente è...

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma, 4 mar. (askanews) – Proverà a...

Regolamento sugli imballaggi, c’è...

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve i dettagli Bruxelles, 4 mar. (askanews) –...

Parlamento al voto su...

In commissione alla Camera opposizioni in ordine sparso:Pd a favore, M5s oggi astenuto...
HomeAttualitàMeloni alla Camera:...

Meloni alla Camera: calunnie su migranti, su Ucraina non ci fermiamo

Scontri in aula con Conte e Bonelli, i ministri leghisti in Aula solo dopo un’ora

Milano, 22 mar. (askanews) – “Calunnie” sui migranti, e “tante falsità” sugli altri temi. La replica di Giorgia Meloni al dibattito della Camera vira subito sul registro dello scontro con le opposizioni, praticamente su ogni argomento del prossimo consiglio europeo. Migranti, in primo luogo, ma anche la siccità, il Mes, e il sostegno all’Ucraina. Tema quest’ultimo, su cui però le polemiche rischiano di essere anche interne alla coalizione: nessun ministro della Lega è presente per tutta la prima ora del dibattito alla Camera, poi si avvicenderanno Valditara e Calderoli. Abbastanza per provocare le osservazioni delle opposizioni, che ricordando anche le parole di ieri del capogruppo leghista Romeo parlano di maggioranza spaccata.

Sui migranti Meloni respinge dunque le “calunnie” delle opposizioni per la strage di Cutro: “Insinuare senza prove che lasceremmo bambini morire è una calunnia non al governo ma nei confronti dello Stato italiano”. Le tragedie “ci sono state con tutti i governi negli ultimi 10 anni”, rivendicando che il suo sarebbe quello che nel rapporto tra partiti e salvati ha la percentuale migliore. Il problema va affrontato in Europa “con proposte ragionevoli”, accordi con i Paesi d’origine e investimenti in Africa. A partire dalla Tunisia: “Va evitato il default”, o il flusso di migranti “sarà ingovernabile”.

Archiviato il tema migranti, la replica diventa un battibecco con Angelo Bonelli sulla siccità, dopo che già l’intervento del leader verde aveva provocato scintille: “Non sono Mosè, non ho prosciugato io l’Adige in pochi mesi di governo”, ribatterà la premier a Bonelli che aveva mostrato i sassi del greto del fiume in secca.

Sui temi economici, i toni sono più bassi: Meloni ribadisce la sua posizione sul Mes, arrivando a prefigurare un intervento della Bce in caso di crisi bancaria: “Il Mes non è all’odg di questi giorni, ma se ne discute anche in relazione alla clausola di ‘backstop’ che servirebbe a far fronte alle crisi bancarie. Devo però far presente che quando è fallita la banca della Silicon Valley è intervenuta la Federal Reserve, quando è fallito il Credit Suisse è intervenuta la Banca centrale svizzera, e io sono certa che quando mai dovesse esserci, ma non credo, una crisi bancaria in seno all’Unione Europea anche la Bce farebbe la sua parte”.

Infine l’Ucraina. Al gruppo M5s che “ci chiede di fermarci”, Meloni ribatte così: “Penso che lo debba dire a Putin, mi fa specie che lo dica a noi perchè probabilmente questo tradisce una posizione. Vuol dire consentire l’invasione dell’Ucraina perchè se ci fermiamo consentiamo l’invasione dell’Ucraina e io non sono così ipocrita da scambiare una invasione con la parola pace”. E accusa i Cinque Stelle di fare “propaganda sulla pelle di una nazione sovrana, di un popolo libero e sul diritto internazionale ed è irresponsabile”.

La risposta arriverà da Giuseppe Conte, unico leader di partito a intervenire in Aula: “Lei sta portando l’Italia in guerra esibendo un piglio coraggioso”, “della guerra ha parlato il suo maitre a penser, Viktor Orban”, mentre “l’unica via alternativa è quella politica”. Per poi concludere: “Il vostro è patriottismo d’accatto, altro che Fratelli d’Italia: Fratelli di Visegrad”.

Correlati

Milano, Consiglio comunale approva assestamento di bilancio

Finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di euro Milano, 27 lug. (askanews) – Il Consiglio comunale di Milano ha approvato la variazione di assestamento del bilancio 2023. Attraverso la manovra vengono finanziate maggiori spese per oltre cento milioni di...

Meloni: la mafia non ha avuto l’ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...

Mafia, Meloni: non ha avuto ultima parola, si può sconfiggere

“Trent’anni fa Cosa Nostra fece esplodere tre autobombe” Roma, 27 lug. (askanews) – “Nella notte tra il 27 e il 28 luglio di trent’anni fa Cosa Nostra sferrò un altro colpo della sua strategia stragista ed eversiva contro lo Stato,...