lunedì, Giugno 17, 2024

News e Investimenti

Breaking News

La giostra si ferma...

(Adnkronos) - Ventotto persone sono rimaste appese a testa in già per...

Ita-Lufthansa, Giorgetti: “Vicini alle...

(Adnkronos) - Vicino il via libera della Commissione europea all’operazione Lufthansa/Ita. A...

Poste: nasce premio giornalistico...

(Adnkronos) - Scoprire e lanciare giovani talenti del giornalismo capaci di sperimentare...

L’Alzheimer si eredita? Più...

(Adnkronos) - L'Alzheimer si può ereditare? E se sì, chi rischia di...
HomeAutoprodottiCredit Suisse: crisi...

Credit Suisse: crisi finanziaria, investimenti sbagliati e mancati controlli

“Gli interventi per riportare fiducia hanno bisogno di più tempo”

“Il problema principale de il Credit Suisse è che chi doveva controllare, essendo la Svizzera fuori dell’ area euro e questo è il punto centrale di tutto, sembra aver imparato poco, molto poco dalle crisi finanziarie che abbiamo vissuto negli ultimi 15 anni”.

“Quello che sta accadendo in questi giorni deve far riflettere però tutti, perché a differenza di anni fa, la sfiducia verso una banca si può diffondere molto più rapidamente di prima e trasformarsi in panico generale, mentre gli interventi per riportare fiducia hanno bisogno di più tempo per essere metabolizzati dalle persone”. Lo ha detto, Sileoni segretario generale della Fabi, durante la trasmissione Mattino Cinque News.

“La banca svizzera, il Credit Suisse, è finita in dissesto perché negli ultimi due anni sono stati fatti investimenti sbagliati, ci sono state perdite e fughe di capitali e si erano illusi di poter risolvere tutto con l’ ingresso nel capitale di ricchissimi fondi mediorientali che invece all’ ultimo momento si sono tirati indietro, non investendo altri soldi ma rimanendo sotto la soglia del 10%”.

“Ma c’è anche un altro motivo dietro il dissesto di Credit Suisse, ha aggiunto Sileoni: tutte le banche svizzere hanno goduto, per decenni, di una sorta di privilegio, il segreto bancario, che da una parte garantiva loro una enorme quantitativo di denaro da custodire, e dall’altra permetteva anche di rendere difficilmente individuabili i proprietari delle somme depositate in Svizzera. Negli ultimi 10 anni queste regole sono radicalmente cambiate e oggi le banche svizzere non sono più come un porto in una nebbia”.

Giovanni Lombardi Stronati

Correlati

Fare business e valorizzare il patrimonio culturale: ecco le nuove frontiere del turismo

A Napoli dal 5 al 7 giugno conferenza internazionale del progetto europeo di ricerca e innovazione Horizon 2020 Be.CULTOUR Rigenerare e valorizzare il patrimonio culturale, responsabilizzando le comunità locali e potenziando le loro capacità imprenditoriali per co-creare e testare innovazioni...

Imprese, per Harmonic Innovation Group integrazione con EHT Holding

60 milioni di capitali raccolti tra finanziamenti di importanti Operatori e investimenti di privati, imprese e Istituzioni L’Assemblea generale degli azionisti di Harmonic Innovation Group Società Benefit ha approvato la fusione con EHT Holding, Consorzio catanese che riunisce 80 aziende,...

Festa dei Fiori al Decumano del Mare

Lo scorso 25 maggio in via de Marinis al centro storico di Napoli si è consumato l’ennesimo atto di violenza inaudita che ha sconvolto la comunità di questa parte della città che oggi viene riconosciuta come “Decumano del Mare”. Cinque...