lunedì, Luglio 22, 2024

News e Investimenti

Breaking News

Ritiro Biden, la sfida...

(Adnkronos) - La vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris pronuncerà un discorso...

Trump: “Biden non ha...

(Adnkronos) - "Biden non ha mai avuto il covid. Ora dimenticherà di...

Kamala Harris, vietato sbagliare:...

(Adnkronos) - La rinuncia di Joe Biden alla candidatura per le elezioni...

Temporali e forti piogge...

(Adnkronos) - Dopo le forti ondate di calore, ora è il maltempo...
HomeAttualitàA Slow Wine...

A Slow Wine Fair consegnato il Premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow

A Bologna riconoscimenti a 36 ristoratori per lo spin off dei MWW Awards

Milano, 27 feb. (askanews) – Sono stati consegnati oggi a Slow Wine Fair, la fiera del vino “buono pulito e giusto” in corso a BolognaFiere, i 36 riconoscimenti del Premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow, prima edizione dell’iniziativa realizzata in collaborazione con Milano Wine Week. Nato infatti come spin off dei MWW Awards, questo premio vuole “celebrare la cultura del bere bene e del vino buono pulito e giusto, per rafforzare il legame tra locali e winelovers”, e viene conferito in 12 diverse categorie da una giuria di professionisti e dal pubblico di appassionati.

Tra i tanti premi, quello per la “Miglior selezione di vitigni autoctoni” è andato ai ristoranti Tacabanda (Cremona), Franceschetta58 (Modena), La Forchetta Curiosa (Genova) e Sorì (Cuneo). Quello per la “Miglior selezione di biologici” a Conca d’Oro (Bassano del Grappa), La Vecchia Scuola (Montalto di Montese), Andirivieni (Torino), Reis Cibo Libero di Montagna (Cuneo), Cicala (Palermo) e Osteria Pironetamosca (Castelfranco Veneto). Quello per il miglior rapporto “Qualità prezzo) è invece stato assegnato a Enoteca&Bistrot da Alessandro e Piero (Sassari), Enofficina (Roma), Ummara (Scicli) e Home piccola osteria alternativa (Bacoli).

“Il senso di questo premio sta esattamente nella Slow Wine Coalition, una rete internazionale che unisce i tre soggetti che possono contribuire alla rivoluzione del vino che noi agogniamo: i produttori di vino, che devono essere sempre più stimolati a produrre vini buoni puliti e giusti, i consumatori che abbiamo visto ieri animare i padiglioni di BolognaFiere, ma soprattutto chi ha fatto del vino il senso della propria vita lavorativa”. ha spiegato il coordinatore della Slow Wine Coalition, Giancarlo Gariglio, ricordando che “i produttori che sono presenti alla Slow Wine Fair, senza il ruolo di queste persone che raccontano e vendono i loro vini, vedrebbero vanificata la loro fatica tra i filari”. “Siamo tuttavia coscienti della crisi di vocazione e di personale specializzato che sta attraversando questo settore – ha concluso – ed è per questo che vogliamo valorizzarli con questo premio”.

La premiazione è avvenuta al termine di un momento di confronto e riflessione sul valore dello strumento carta dei vini e della figura del sommelier. All’incontro hanno partecipato Giacomo Pavesi, patron dell’Osteria Fratelli Pavesi di Podenzano (Piacenza), Marta Passaseo, sommelier del ristorante Imbuto di Lucca e Eugenio Signoroni, curatore della guida Osterie d’Italia, dove le migliori selezioni e carte dei vini sono messe in evidenza con il simbolo della bottiglia. Secondo Signoroni, una buona carta dei vini deve essere “coerente”, cioè trasmettere chiaramente la scelta operata nella selezione dei vini; “democratica”, cioè deve poter mettere a proprio agio tutti i clienti, qualsiasi sia la propensione di spesa di ciascuno, ma soprattutto deve esserci, perché è l’espressione di una cultura del vino e di una consapevolezza che continua a evolvere e deve essere supportata anche grazie alla carta dei vini, che può narrare anche i vini al bicchiere o sfusi che ormai nelle osterie si possono trovare di buona qualità.

Correlati

“Dieci milioni di italiani soffrono di occhio secco: casi in aumento tra minori per esposizione a smartphone e tablet”

“Si stima che più di dieci milioni di persone (un italiano su cinque) abbiano sofferto di disturbi oculari riconducibili all’occhio secco (Dry Eye), un disagio vissuto come una vera e propria patologia, al pari dei dolori di una angina...

Innovation Village 2024, l’8 e 9 maggio a Napoli tra sostenibilità, AI e le opportunità per le imprese

Promuovere lo scambio di fabbisogni, idee e conoscenze e co-progettare soluzioni tecnologiche innovative e funzionali attraverso la creazione di circuiti collaborativi fra ricerca e imprese è l’obiettivo di Innovation Village 2024, il network di riferimento del Mezzogiorno in ambito...

Professioni, nel 2023 dall’Odcec Roma quasi mille ore di formazione gratuita in aula

“Il Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma ha confermato, anche nel 2023, il proprio impegno nel campo della formazione, offrendo in un anno quasi 1000 ore di formazione in aula gratuita agli iscritti (993)....